domenica, Giugno 23, 2024
HomeSportMotoGPMa voi avete capito il perché del ritiro di Aleix Espargaro?

Ma voi avete capito il perché del ritiro di Aleix Espargaro?

Oggi, presso il circuito di Montmelo in Catalunya, Aleix Espargaro ha annunciato il suo ritiro. I motivi sono ben noti. O forse no.

Per Aleix Espargaro arriva il ritiro

Questi giorni sono tutti uguali. Il cielo scotta di sole oppure odora di pioggia. I piloti si riuniscono in una sala stampa gremita, piena di luci e riflettori. Uno di loro sale sul palco, prende in mano il microfono e annuncia il suo ritiro dalle competizioni. Un silenzio innaturale avvolge parte degli astanti e la sua voce si rompe in un argine di lacrime.

E’ stato così con Kevin Schwantz, Casey Stoner, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi e tanti altri. Oggi a dire addio è Aleix Espargaro: il pilota che ha riportato Aprilia al successo in MotoGP, dopo anni di digiuno, sacrifici, imprecazioni ed urla nel box. Compresi quelli per la vittoria in Argentina nel 2022.

Capitano coraggioso

Scendere da una moto che si rivela più in forma che mai, ferma restando l’egemonia Ducati, è un atto di coraggio. Non fosse per il fatto che Aleix Espargaro ha debuttato nel 2004 come wildcard nel Motomondiale 125, vi ha corso con continuità fino ad oggi e solo nel 2022 ha ottenuto la sua prima vittoria iridata.

Uno dei motivi è facilmente intuibile: salito sul prototipo di Noale (VE) nel 2017, il pilota di Granollers (SPA) l’ha sviluppato secondo le sue esigenze ed il suo personalissimo stile di guida. Quindi, ha senso lasciare questa miniera d’oro in mano a…già, chi ci salirà sulla sua RS-GP?

Sabes que…?

Esatto, quell’Aprilia con il 41 sul cupolino fino a fine stagione, dal 2025 indosserà un bell’89. “Ma è il numero del tio Jorge Martin”. Esatto, signori. Se tutto continua ad andare come preventivato, quella moto andrà in mano all’attuale leader del Campionato.

Quanto ad Aleix, cos’altro dire? E’ un pilota che ha corso per 20 anni nel Motomondiale confrontandosi con i migliori quando aveva delle moto improponibili e talvolta battendoli una volta ottenuti i mezzi buoni. Ha fatto le sue pole position, ha vinto le sue gare, ha incassato le sue sconfitte ed ottenuto le sue rivincite. Nella sua bella casa di Andorra lo aspettano una bella moglie e due bellissimi bambini. Ora inizia un’altra vita.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Crash Pirro CIV Mugello 2024-min

Crash Pirro CIV Mugello 2024. C’è ancora domani

0
Gara 1 del CIV 2024 al Mugello termina con un crash per il leader di campionato Michele Pirro. Tanta pressione, ma nulla di irreparabile. Il...
CIV Mugello 2024-min (1)

CIV Mugello 2024: la valle della vita

0
Questo fine settimana, il CIV 2024 si trova al Mugello per il 3° appuntamento della stagione. La pista è davvero incredibile. Il Mugello ospita il...
Addio Guido Mancini-min

Addio Guido Mancini. Il mago della moto…e dei piloti

0
L'estate che ci sta per aggredire la pelle si apre con una brutta notizia: dobbiamo dire addio a Guido "Mago" Mancini, spentosi ad 85...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.