lunedì, Novembre 28, 2022
HomeSportMotoGPPecco Bagnaia Campione del Mondo. E' stata dura ma ce l'ha fatta!

Pecco Bagnaia Campione del Mondo. E’ stata dura ma ce l’ha fatta!

Dopo un difficile inizio di stagione, Pecco Bagnaia è stato incoronato Campione del Mondo di MotoGP 2022. Il 1° italiano a vincere di nuovo su una moto italiana in Top Class.

Il Campione del Mondo si chiama Pecco Bagnaia

L’antico vaso andava portato in salvo. Ma anche quello del 2022 era importante. Per Pecco, che nel 2021 ha buttato alle ortiche un titolo potenzialmente contendibile contro Fabio Quartararo; per Ducati, che dopo il felice 2007 con Casey Stoner non è più riuscita a vincere un mondiale Piloti in MotoGP; per un vivaio italiano che sta rifiorendo e i cui germogli arrivano dritti dritti dalla VR46.

Bagnaia Campione del Mondo - Diablo-min

E dire che ad inizio estate molti, me compreso, lo davano per spacciato. Una moto fantastica, sì; Una guida sopraffina e pressoché perfetta, certo. Però, c’è sempre stato un però. La scivolatina inutile, l’errorino di troppo, la resa ante-victoriam.

Non dire sconfitta

Se la saggezza popolare recita “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”, parimenti aggiungeremmo “Non dire sconfitta se la moto è dritta” (proverbio inventato adesso). Pecco si è seriamente rimboccato le maniche, che sulla tuta in pelle sono molto rigide, ed ha sfruttato al meglio il suo talento, guidando senza sbavature. La pista lo ha premiato con un titolo mondiale ed un’azienda pronta a lavorare per lui.

Bagnaia Campione del Mondo - Lean-min

La Valencia che tante gioie e tanti dolori ha donato all’amico Valentino Rossi gli è stata amica. Dalla sua, Pecco ha evitato inutili bagarre con piloti che, in termini iridati, non gli stavano sottraendo alcunché (che abbia letto il nostro articolo sul titolo mondiale di Emilio Alzamora?). E dopo il 2018 in cui ha vinto il suo 1° titolo mondiale in Moto2, Bagnaia si ripete in MotoGP.

Riiidiii…Campioooneee!

A fine gara, il box del team Ducati Lenovo è una festa. Gente che ride, che piange sciogliendo mesi (e forse anni) di tensione. Persone che si abbracciano per il grande risultato ottenuto. E lì fuori, una folla tutta per lui. La sua Chivasso che sorge all’ombra della Mole Antoniniana di Torino è tutta un grido di gioia;

Bagnaia Campione del Mondo - VR46-min

la Pesaro in cui vive catalizza gli appassionati di tutta la riviera Adriatica. La sorella Carola e la dolce metà Domizia hanno saputo stargli accanto, nella gioia e nel dolore, nella sconfitta e nella vittoria. E lì resteranno per nuove mirabolanti imprese negli anni a venire.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

100 km dei Campioni 2022-min

100 km dei Campioni 2022. Trionfo di Bartolini e Baldassarri

0
Elia Bartolini e Lorenzo Baldassarri trionfano nella 100 km dei Campioni 2022 presso il Ranch di Valentino Rossi a Tavullia. Ma oltre alla mera...
Officine Immorali

Officine Immorali. L’abbigliamento cazzuto da biker

0
Sei in cerca di originalità nel tuo guardaroba da motociclista? Abbiamo trovato allora qualcosa che fa al vostro caso. Si tratta della famiglia di...
Yamaha R1 onboard Macau

Yamaha R1 Onboard a Macau: pronti a perdere il fiato?

0
In questo video, vi mostriamo una ripresa onboard di una Yamaha R1 a quasi 300 km/h: tutto normale se non fossimo nel circuito cittadino...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.