lunedì, Maggio 20, 2024
HomeNewsBuon Compleanno Leon Haslam. L'infaticabile

Buon Compleanno Leon Haslam. L’infaticabile

Auguriamo Buon Compleanno a Leon Haslam che oggi compie 37 anni: pochi piloti continuano a correre alla sua età. Il motivo? Grande passione, prima di tutto. E qualche soddisfazione professionale al momento giusto.

Figlio di Ron

Leon Haslam nasce il 31 Maggio 1983 ad Ealing, in Inghilterra. Suo padre Ron è stato un pilota del Motomondiale negli anni ’80 e ’90 ed infonde nel figlio la passione per le moto. Come può accadere in questi casi, respirare odore di benzina in famiglia (o, più semplicemente, essere “figlio d’arte“) pone i piloti in uno stato di sudditanza psicologica verso l’operato dei genitori. Fortunatamente, non è questo il caso. Addirittura, nel 2000, i 2 andranno insieme a disputare il GP di Francia del Motomondiale. Ron nell’amata Classe 500; Leon nella 125 della quale è appena diventato pilota titolare.

Balconing

Se nel 2000 Leon affronta la sua prima stagione completa nella 125, ecco che nel 2001 lo ritroviamo già in sella ad una 500. La Honda NSR V2 del team Shell Advance non è competitiva e, sommato ciò al notevole salto tecnico, ne esce fuori una stagione mediocre. L’anno successivo scenderà in 250 ma i risultati non migliorano.

Il 2003 segna però una svolta nella carriera del pilota inglese. Partecipa al BSB nella categoria Supersport su una Ducati 749R; successivamente gareggerà nella categoria Superbike dell’omonimo campionato; quindi disputerà 3 appuntamenti del WSBK: Assen, Brands Hatch e Magny Cours. La porta delle derivate di serie si è aperta. Nel 2004, la prima stagione completa nel WSBK, che concluderà all’8° posto finale, con un 3° posto nel GP di Oschersleben.

La grande occasione

Dal 2005 al 2008 torna nel BSB, facendo la spola tra Ducati ed Honda. Il 2009 segna il ritorno nelle derivate di serie, in sella ad una Honda CBR1000RR. La stagione si conclude in maniera relativamente positiva, considerando il pacchetto tecnico a disposizione: 6° posto finale con 4 podi e qualche ritiro.

Il 2010 è tutto pronto per la grande occasione. Il team Suzuki Alstare ha pronta una Suzuki GSX-R1000 e Leon Haslam è più preparato che mai ad una grande stagione. Quell’anno conseguirà 3 vittorie ma ben 14 podi. Questa sua costanza, lo porterà a lottare gomito a gomito per il titolo mondiale contro Max Biaggi. Nella 2° manche del GP di Imola la rottura del motore lo costringe al ritiro: insieme a dei punti preziosi perderà il titolo. Resta un bel ricordo di quella stagione, anche nel rivale Biaggi: il pilota romano, in attesa del 2° figlio, sceglierà di chiamarlo proprio Leon.

Purché sia una SBK

Nel biennio 2011 e 2012 correrà con BMW nel team Motorrad Motorsport. In sella alla sportiva bavarese sarà costante, ma non ripeterà i fasti del 2010. Nel 2013 e 2014 passerà per le fila di un team valido qual è il Ten Kate Honda. Risultati modesti, errori e ritiri. Anche il suo team-mate Jonathan Rea (allora ritenuto alla stregua di una promessa) insorge contro problemi tecnici d’ogni natura.

Nel 2015 lo vedremo impegnato in Aprilia al fianco del rookie Jordi Torres. La RSV4, pur dotata di un gran motore, non è più quel piacevole equilibrio tra prestazioni e guidabilità come in passato. Leon vince la 2° manche del GP inaugurale di Phillip Island e di quello finale in Qatar. 9 i podi complessivi che gli varranno il 4° posto finale in campionato.

Il 2016 inizia all’insegna di un cambio di casacca e di ambiente: entra nell’universo Kawasaki, con la quale tornerà a correre nell’amato BSB. 2 anni dopo, alla tenera età di 35 anni lo vincerà, coronando un sogno coltivato così a lungo da sembrare irreale.

Buon Compleanno Leon Haslam

Rinfrancato dal successo in terra natia ed inserito nel team Kawasaki Racing, nel 2019 torna nel WSBK, al fianco di Jonathan Rea. Nonostante il suo compagno di squadra del biennio Honda sia nel frattempo diventato il dominatore assoluto, nel round di Phillip Island lo affronta a mani nude e a fine anno, il suo ruolino di marcia ci parla di 6 podi complessivi.

Il 2020 che lo vede ormai 37enne sarà l’anno dell’ennesimo cambio di casacca: correrà nel team HRC Honda, sulla neonata e sfavillante CBR1000RR-R. Il suo team mate è ora Alvaro Bautista, vice-Campione del Mondo del 2019. Ciononostante, il riferimento nei test è lui.

Questa storia ci parla di esperienza, capacità di adattamento: ha corso in 125, 250, 500, SSP, SBK su moto d’ogni marca (Honda, Ducati, Suzuki, BMW, Aprilia e Kawasaki). Ci narra di addii e ritorni alle origini; di cadute dal tetto del mondo, infortuni e risalite dal fondo. Ci racconta integralmente la fatica, la velocità, la voglia di mettersi in gioco senza cercare scuse ma solo motivazioni. E se a 37 anni qualcosa lo spinge ad infilare la tuta per sfrecciare ad oltre 300 km/h sulle piste di tutto il mondo, a Leon Haslam non possiamo che augurare Buon Compleanno.

 

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Ducati Monster Ayrton Senna

Ducati Monster Ayrton Senna: un tributo a una Leggenda

0
Ducati presenta con orgoglio il Monster Ayrton Senna, una speciale edizione da collezione che celebra il leggendario pilota brasiliano e la sua straordinaria carriera....
Test WorldWCR Cremona 2024-min

Test WorldWCR Cremona 2024. Ana Carrasco primera

0
Ana Carrasco chiude in testa i test del WorldWCR 2024 a Cremona. 2° posto per la nostra Roberta Ponziani seguita da Sara Sanchez. Campionato...
Luca Marini MotoGP 2024-min

Nella MotoGP 2024 chi vorrebbe essere Luca Marini?

0
Nella MotoGP 2024, sembra che la vera gara sia alla ricerca di una sella per l'anno prossimo: che posizione ricopre Luca Marini? Ne comoda,...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.