giovedì, Maggio 23, 2024
HomeSportMotoGPCasey Stoner è malato: "La stanchezza cronica mi distrugge"

Casey Stoner è malato: “La stanchezza cronica mi distrugge”

Come sappiamo da tempo, Casey Stoner è malato: soffre di stanchezza cronica. In un intervista rilasciata ad El Mundo parla della sua vita e delle corse. Questa malattia, diagnosticatagli a fine 2018, lo sta privando delle sue più grandi passioni: in 2 anni, ha guidato una moto in sole 2 occasioni; gioca a Golf molto raramente; non va a pesca ormai da tempo.

Stanchezza cronica

Probabile che questa situazione inizi già nel 2009. Jorge Lorenzo sta guadagnando credibilità in Yamaha. Valentino Rossi sta flirtando con Ducati. Casey Stoner scopre di essere intollerante al lattosio. Ciò lo aveva sempre costretto a svolgere la sua professione di atleta senza una parte di energie molto importanti.

CASEY STONER #27:

“Non riesco più a recuperare energie dopo ogni sforzo. Mi sveglio già stanco e, anche riposandomi, la situazione non migliora. Da moltissimo tempo non guido una moto e non vado a pesca. Solo raramente, gioco a Golf. I medici non sanno come curarla.”

Per svolgere alcuni esami in Australia, in quell’estate 2009 si prese un periodo di pausa dalla MotoGP. I suoi datori di lavoro in Ducati, per ripicca, corteggiarono Jorge Lorenzo, proponendogli un salario doppio a quello che prendeva l’australiano. Nel frattempo, alcuni personaggi del circus misero in dubbio l’autenticità della sua malattia, pensando si trattasse di “pressione psicologica”. Un episodio che lo allontanò ideologicamente dalla MotoGP.

Lontano dal mondo

E’ quindi facile intuire i motivi che lo spinsero al ritiro nel 2012. Quando era ancora giovanissimo e, soprattutto, veloce. Ciò non significa che non osservi, ed anche con occhio critico, il Motomondiale. In particolare, Casey Stoner bacchetta Marc Marquez.

CASEY STONER #27:

“Non capisco la sua decisione. Nella gara di Jerez ha esagerato e può capitare. Dopo, ha voluto recuperare troppo rapidamente e la riabilitazione si è allungata di molto. Avrebbe potuto correre metà campionato, invece ha voluto strafare. Joan Mir ha disputato un’ottima stagione quest’anno. Spesso non è stato il più veloce e forse non sarà il più talentuoso in assoluto. Però, ha sicuramente sbagliato meno di tutti.”

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Fasto taxi moto scooter-min

E’ ora di provare Fasto: il servizio taxi con moto e scooter

0
Sta arrivando in Italia Fasto: un servizio di taxi con moto e scooter di cui beneficiare tramite app. Come funziona e come usufruirne? Quali moto...
Dotto Creations Petrucci Ducati-min

Dotto Creations e Petrucci restaurano le Ducati

0
I designer di Dotto Creations traggono spunto dal pilota Danilo Petrucci per restaurare due Ducati e generare Handyman e Noveunosei. E mi sembra chiaro...
Brembo MotoGP Catalunya 2023-min

Brembo MotoGP Catalunya 2024. Aiutati per la discesa

0
Brembo analizza l’impiego dei freni nel GP di Catalunya da parte dei piloti della MotoGP 2024. Le staccate più impegnative del GP si affrontano in discesa e...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.