giovedì, Ottobre 29, 2020
Home Marchi Ducati Ducati V4 Granturismo. Che il viaggio abbia inizio

Ducati V4 Granturismo. Che il viaggio abbia inizio

Ducati presenta sul mercato il nuovo motore V4 Granturismo. L’obiettivo non è introdurre sul mercato un nuovo omologo delle precedenti edizione ma dare un taglio ancora più unico e Ducatista alla filosofia quadricilindrica.

Nuovo motore Ducati V4 Granturismo

Quando Ducati decise di equipaggiare la sua Panigale con il motore V4 (dal quale prese il nome), molti storsero il naso. La percepirono come una profanazione: un reato di lesa maestà. In realtà, lo spirito d’innovazione e sperimentazione sono tra i valori principali dell’azienda emiliana.

Ducati V4 Granturismo - 2

Al pubblico più turistico e macina-chilometri piacerà per la scarsa necessità di tagliandi. Fissati, stando alle specifiche tecniche diffuse, attorno ai 60.000 km. L’omologazione Euro5 permette di circolare sempre e comunque.

Sempre potente

Questo V4 da 1158cc è innanzitutto un motore compatto e leggero. La conseguente diminuzione del peso di 1,2 kg rispetto al predecessore 1260 influisce positivamente nella dinamica del sistema “moto-pilota”. La potenza non è in discussione: Ducati è nota per produrre motori sempre molto potenti rispetto alla concorrenza. I 170 cv e 125 nm a soli 8750 giri sono equamente distribuiti su un’ampia fascia di utilizzo. Questo anche in virtù della riduzione dell’Alesaggio e di un conseguente aumento della Corsa.

Quel che più apprezzeranno i puristi di Ducati è il sound. La struttura Twin Pulse a scoppi irregolari le conferisce un rombo affine a quello dei cari vecchi V2. Probabile che a sperimentarlo sia la Multistrada V4: l’ultimo baluardo di resistenza bicilindrica nell’azienda di Borgo Panigale.

Ricapitolando

Ecco i dati tecnici del V4 Granturismo

  • Motore quattro cilindri a V di 90° da 1.158 cm³
  • Alesaggio x corsa 83 x 53,5 mm
  • Rapporto di compressione 14:1
  • Potenza massima 125 kW (170 CV) a 10.500 giri/minuto
  • Coppia massima 125 Nm (12,7 Kgm) da 8.750 giri/minuto
  • Omologazione Euro 5
  • Distribuzione mista catena – ingranaggi con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro
  • Albero motore controrotante con perni di biella sfalsati di 70°
  • Frizione multidisco a bagno d’olio, asservita e con funzione antisaltellamento
  • Lubrificazione a carter semi-secco e tre pompe olio: 1 di mandata e 2 di recupero
  • Alimentazione con quattro corpi farfallati ovali con diametro equivalente di 46 mm
  • Cambio a sei rapporti con sistema Ducati Quick Shift (DQS) Up & Down
  • Controllo ed eventuale registrazione del gioco valvole fissato a 60.000 km
  • Disattivazione bancata posteriore in fase di sosta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Yamah MT-09 Hyper Naked 2021

Yamaha MT-09 Hyper Naked. Grintosa ed Hi-Tech

0
"Tanto tuonò che alla fine piovve". Benvenuta Yamaha MT-09 Hyper Naked. Forte di una ciclistica svelta, adatta alle costrette vie della città,...
Andrea Dovizioso collaudatore Yamaha

Andrea Dovizioso collaudatore Yamaha al posto di Lorenzo?

0
Negli ultimi giorni, una curiosa voce si sta facendo strada tra gli addetti ai lavori della MotoGP: dopo le avance di Aprilia...
pneumatici touring

Viaggi in moto. I 3 migliori pneumatici touring

0
Nonostante gli incredibili progressi tecnologici degli pneumatici nel corso degli ultimi anni e la possibilità di scegliere tra una miriade di prodotti...