martedì, Settembre 27, 2022
HomeSportMotoGPGiacomo Agostini sulla MotoGP 2022: "Non c'è il manico"

Giacomo Agostini sulla MotoGP 2022: “Non c’è il manico”

Giacomo Agostini esprime un parere sulla MotoGP 2022. Molto diversa dalla Classe Regina dei suoi tempi, a suo dire avrebbe bisogno di…

La MotoGP 2022 secondo Giacomo Agostini

Ai colleghi di Motorsport.com, il 15 volte Campione del Mondo ha espresso alcune perplessità circa l’ambiente attuale della MotoGP. I fattori che determinano la vittoria sono sempre più di carattere scientifico, anziché umano.

Giacomo Agostini:

“La moto oggi conta moltissimo. Se il mezzo non è competitivo, il talento del pilota può farci poco. Ai miei tempi, invece, il polso faceva una gran differenza. Il fatto che anche un esordiente si giochi sin da subito la vittoria significa che c’è molta tecnologia sulle moto. A questo proposito, ridurrei la potenza. Velocità di punta minori, spettacolo e sicurezza maggiori.”

Vogliamo i nomi

Altra criticità sollevata dal Campione di Lovere (BG): alla MotoGP attuale manca un reale protagonista, competitivo tra i cordoli e carismatico fuori.

Giacomo Agostini:

“Nulla da dire sul manico di Pecco Bagnaia e di Enea Bastianini: sono velocissimi. Fabio Quartararo fa quello che può. Ma purtroppo, quando ci sono 23 piloti in 1” si fatica a capire chi sia il più forte. Marc Marquez è tornato ed è più combattivo che mai. Dopo il suo infortunio ed il ritiro di Valentino Rossi, non c’è un dominatore assoluto. Con la Sprint Race del Sabato si aumenterà lo spettacolo, ma ci si dovrà organizzare con materiale e staff”.

Siamo alle solite

“Eh ma quando correvo io…eh ma col 2 tempi…eh ma la R1 a carburatori…eh ma QVANDO C’ERA LVI..”. Non ce ne voglia il grande Giacomo Agostini, ma si insiste sempre sugli stessi argomenti. Ben consapevoli che questa è la MotoGP attuale e che i 23 piloti di cui sopra corrono qui. Quindi, campionato insipido per campionato insipido, chi vince è comunque il più forte. Inoltre, proprio ai tempi di Agostini le gare non erano affatto spettacolari: i piloti tagliavano il traguardo più scaglionati degli autobus a Cascina Gobba. Per non parlar del fatto che tra la moto del vincitore e quelle delle retrovie c’era un abisso: i primi 3 avrebbero potuto fermarsi a cambiare la catena che avrebbero vinto ugualmente.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Brixton Cromwell 1200 prova

Brixton Cromwell 1200 prova. Don’t speak British

0
Il nome potrebbe trattare in inganno. Ed in effetti di british c’è poco o niente, se non uno stile che ricorda le classiche scrambler...
Patente moto

Novità per la Patente moto: un corso al posto dell’esame di guida

0
Sono in arrivo grandi novità per gli appassionati di moto: la legge del 5 agosto numero 108 ha introdotto alcune modifiche all’attuale disciplina per...
Moto Morini Granpasso 1200-min

Moto Morini Granpasso 1200. A scuola dalla Tracer

0
Moto Morini deposita un brevetto della Granpasso 1200. Subito diramata sul web, la bozza presenta vaghe analogie con la Yamaha Tracer. La Moto Morini Granpasso...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.