giovedì, Luglio 25, 2024
HomeNewsAttualitàInternational Day of women. La forza sia con loro

International Day of women. La forza sia con loro

Oggi 11 Febbraio si festeggia l’International Day of Women. Il nostro mondo ne è pieno e sono proprio loro la nostra forza. Quali campionesse sono passate sui campi di gara?

Quando nasce l’International Day of Women?

L’International Day of Women viene istituito nel 2015 dall’ONU, al fine di tutelare la parità dei diritti sociali tra uomini e donne. Premesso che, alle volte, questa iniziativa assuma dei toni canzonatori verso le donne stesse, molte di loro partecipano con successo al nostro sport.

Primo appuntamento in moto - 2.2-min

Già, superata la congettura sessista che vede quelli a motore come sport per soli uomini, molte donne italiane e straniere sono diventate campionesse del nostro sport. Al punto che sembra superfluo creare loro dei campionati dedicati.

Kiara Fontanesi: woman in love

Nata a Parma nel 1994, sin dalla più tenera età scorrazza sulla moto da cross. Per quelle spianate campagne emiliane tra il filare di vigneti e i versi di mille animali. In sella alle moto da cross ha un solo obiettivo: vincere. E ci riesce in diversi campionati: dall’AMA Motocross femminile ai 6 titoli mondiali di WMX. Fidanzata in passato con il pilota di MotoGP Maverick Vinales, oggi è mamma di Skyler (2019) ed Alaska (2022).

International Day of Women - Kiara-min

Donne come loro, ci ricordano quanta forza d’animo alberghi in chi, sin dalla più tenera età, si scontra con pregiudizi e volti scettici. Ma ciò nonostante, si allena duramente, si costruisce un piano B e quando entra in pista, spinge forte.

Roberta Ponziani: canna al vento

Nata a Montorio al Vomano (TE) nel 1996, cresce tra quell’Abruzzo dannunziano, fatto di pastori, natura e quelle montagne che in tuffo ti buttano giù nell’Adriatico. Anche lei sale in sella alla sua moto per vincere. Velocista, però. Nel 2017 debutta nella Yamaha R3 Cup: un trofeo monomarca dedicato alla sportivetta di Iwata.

Questa classe la porta a competere contro avversari d’ogni tipo. Fino a benedire la nascita del campionato Women’s European Cup. Nel 2024 è atteso il suo passaggio al Mondiale in sella alla Yamaha R7. Ed il tempo giù dalla sella, non lo trascorre certo a scrollare i social: lavora presso il panificio di famiglia, nel suo paese natale.

Letizia Marchetti: dancing queen

Nata a Roma in quel 1978 di piombo e di bombe, farà esplodere il suo talento sin dalla più tenera età. Parteciperà a diversi campionati in sella a moto 600 e 1000. Degne di nota le vittorie nelle classi femminili. Ma, a nostro avviso, vale ancor di più la sua 13° posizione nel CIV SBK 2008, unica donna.

International Day of Women - Lety-min

Oggi collabora per il motorsport nei corsi di guida sicura presso l’Autodromo di Vallelunga, come istruttrice federale. Di più, è laureata in Economia e Commercio ed è anche una brava ballerina di danza classica. Ah la ricorderete come controfigura di Belen Rodriguez in sella ad una Ducati per uno spot della TIM. Si che ve la ricordate, date retta a me.

Samuela De Nardi: scusate se esisto

Nata a Vittorio Veneto (TV) nel 1984, replica le gesta della sua terra natia contro l’Impero austro-ungarico, combattendo contro ogni tipo di moto. Inizialmente crossista, si sposta ad inizio millennio nel trofeo Challenge Aprilia RS 125. Contro piloti di un certo livello: Massimo Roccoli, Luca Scassa, Michel Fabrizio, Simone Saltarelli ed Andrea Dovizioso.

International Day of Women - Samu-min (1)

Con quest’ultimo avrà una relazione nei primi anni 2000. Dopodiché, lui proseguirà nel Motomondiale e lei in vari trofei monomarca sia 600 che 1000. Uno su tutti? La tanto formativa, quanto rimpianta Yamaha R1 Cup. Nel 2010 sarà compagna di squadra di un certo Rocco Anaclerio. Vi dice niente? Dai, Dj Ringo!

Alessia Polita: due vite

Nata a Jesi (AN) nel 1985, è una forza della natura al pari delle consaguinee grotte di Frasassi. Figlia dell’appassionato meccanico Giancarlo (detto Gianky) e del pilota Alessandro (detto Alex), corre su tutti i tipi di moto: 125, 600 (anche nel WorldSSP) e 1000. Tanto per mantenere le moto in famiglia, è stata fidanzata quasi 10 anni con Eddi La Marra.

International Day of Women - Alessia-min

Il 15 Giugno 2013 perde l’uso delle gambe per via di un incidente presso il circuito di Misano. Ironia della sorte, il 27 Agosto dello stesso anno il suo fidanzato Eddi La Marra andrà in coma per via di una violenta caduta, sempre presso il circuito della Riviera. Ma lei non si perde d’animo. Il suo nuovo mezzo di locomozione le da nuovi spunti per incanalare la sua pazzia.

Consigliatissima la sua autobiografia intitolata Ride Through.

Beatriz Neila Sanchez: y soy una mujer!

Nata a Madrid nel 2002, in quelle immense vallate spagnole lontane dal mare ma bagnate dall’arte. La sua passione sono le moto ed inizia subito dalle piccole cilindrate. Fortissima sulle supersport 300, è Campionessa della Women’s European Cup nel 2023, disputerà l’edizione 2024 del neonato Mondiale Femminile con una Yamaha R7.

International Day of Women - Bea-min

Vero: la Spagna dispone di una cultura motociclistica più completa e rispettosa verso i piloti (sono necessari molti meno soldi per correre e ci sono più aziende disposti a sponsorizzarli). Ma non basta da solo tutto ciò a definire la sua velocità in pista. Anche lei ha in costruzione un Piano B: è una brava studentessa ISDE (Economia e Diritto).

Ana Carrasco: soy una llamara

Nasce a Murcia nel 1997 tra architettura gotica ed arte inusuale, dalla quale imparerà a pennellare traiettorie proprie ed improprie. Una dote che le tornerà utile al debutto in Moto3. Un’esperienza infruttuosa che però le darà ulteriore motivazione. Nel 2017, si sposterà nella neonata e più lenta WorldSSP 300. Sarà la sua fortuna.

International Day of Women - Ana-min

Di questa competizione, sarà Campionessa del Mondo nel 2018. Contro uno stormo di circa 40 maschietti in piena età ormonale. Non per rimarcarlo, ma per vincere in un campionato simile ci vogliono degli “attributi quadrati”. Non ci sono sconti, ne gentilezze, ma solo tanto gas da dare.

Maria Herrera: tal vez no ser es ser

Nasce a Toledo nel 1996, in quella Spagna colonia dell’Antica Roma e sede della fanteria repubblicana castigliana. Nel mondo delle moto, combattere è necessario sin dall’inizio. Basti pensare che all’età di 4 anni correrà con le minimoto e saranno loro a crescere: in lei resterà sempre un entusiasmo fanciullesco.

International Day of Women - Maria-min

Lo stesso che la porterà a correre qualche stagione in Moto3 dal 2013 al 2017. Una breve parentesi in WorldSSP 300 nel 2018, le aprirà la porta delle derivate di serie. Una taglia più normale e “sua”. La nota alternanza scuola-lavoro lei la metterà in pratica, alternando alle moto endotermiche la permanenza in MotoE.

Happy International Day of Women

Con queste premesse, siamo felice di augurare a tutti un felice International Day of Women. Alle donne, che possano raggiungere qualsiasi traguardo si prefissino, in qualsiasi ambito (formazione, lavoro, sport, arte etc.), in barba a chi strumentalizza i loro diritti offendendole.

Primo appuntamento in moto - 2.1-min

Agli uomini, che si ritengano fortunati di averne una al proprio fianco. E la celebrino ogni giorno con il rispetto e la gentilezza che meritano, al di la delle ricorrenze convenzionali. Oggi è Domenica e, se prima di andare da lei, vi fate un giro in moto, portatele due fiori: è la maniera più prosaica e botanica per mostrarvi il vostro amore.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Kawasaki a idrogeno Suzuka-min

Kawasaki HySE: la prima verdona a idrogeno gira a Suzuka

0
Kawasaki ha appena pubblicato un video dove gira a Suzuka la sua H2 HySE: la prima moto ad idrogeno. Ma tolta l'acqua, è una...
Miguel Oliveira Yamaha 2025-min

Miguel Oliveira Yamaha 2025. A pensarci prima…

0
Nel 2025, Miguel Oliveira correrà con la Yamaha M1 del team Pramac. Cosa lo ha spinto maggiormente, la speranza o i soldi? Hai capito Yamaha...
Pagelle WorldSBK Most 2024-min

Le pazze pagelle del WorldSBK a Most 2024. Voti e giudizi

0
Abbiamo voluto dare voti e giudizi, a modo nostro, con queste pazze pagelle del WorldSBK a Most 2024. Tra chi è andato male e chi si è guadagnato...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.