lunedì, Maggio 20, 2024
HomeSportMotoGPMotoGP Qatar 2024: come va letta la KTM?

MotoGP Qatar 2024: come va letta la KTM?

Durante la MotoGP 2024 in Qatar abbiamo visto una KTM dalle differenti velocità. A questo punto diventa difficile valutarla oggettivamente.

MotoGP 2024 in Qatar: KTM è sul podio

Brad Binder è arrivato 2° sia durante la Sprint Race che nella gara lunga. Non possiamo quindi mettere in dubbio il mezzo. Ingeneroso anche parlare di banale exploit sul giro secco: la gara è durata oltre 20 giri, che su un tracciato completo come quello di Lusail sono una distanza considerevole.

Ma anche nelle retrovie

Ma mancheremmo di completezza nel menzionare la KTM RC16 factory di Jack Miller: 10° nella Sprint Race e 21° nella gara lunga dopo una scivolata nella fase iniziale di gara. All’australiano non manca la velocità e neanche il coraggio, ma la costanza sì.

Ben peggio Augusto Fernandez: un 18° ed un 17° posto non sono che il ritratto della delusione. Non per noi che sappiamo quanto il Campione del Mondo di Moto2 2022 sia efficace. Quanto per la casa che dovrà capire dove sia il “buco”.

Uniamo i puntini

Pensare che, nel mezzo, il rookie Pedro Acosta ci abbia disputato una gara avvincente, ci dice che la moto è veloce. Ricordiamo rapidamente la differenza tra un mezzo veloce ed uno competitivo. Nel primo caso, un pilota è in grado di andarci forte, financo vincerci; nel secondo, diversi piloti sono in grado di ottenervi buoni risultati.

La RC16 di Mattighofen appartiene quindi alla prima categoria. Ma cosa le manca per tenere il passo delle migliori? Alcune cose le abbiamo viste; ad altre ci possiamo arrivare.

Carbon look

Nella lotta del sudafricano contro i ducatisti, abbiamo visto un bel motore sul rettilineo. Ma questa sensazione può essere falsata dalla scia dei piloti davanti. Ma soprattutto, la possibilità di trovare traiettorie alternative. Questo vale sia per Binder che per Acosta. E quando lo scorrevole T4 chiedeva la massima percorrenza a centro curva, Jorge Martin non guadagnava un metro su Brad Binder.

Andando per esclusione, cosa rimane? Esatto, la stabilità in frenata. Quella stabilità e neutralità da F1 che le Desmosedici mostrano sotto stress. A patto di una minor guidabilità sul misto. Ne riparleremo su piste più tortuose come Austin e…Silverstone.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Ducati Monster Ayrton Senna

Ducati Monster Ayrton Senna: un tributo a una Leggenda

0
Ducati presenta con orgoglio il Monster Ayrton Senna, una speciale edizione da collezione che celebra il leggendario pilota brasiliano e la sua straordinaria carriera....
Test WorldWCR Cremona 2024-min

Test WorldWCR Cremona 2024. Ana Carrasco primera

0
Ana Carrasco chiude in testa i test del WorldWCR 2024 a Cremona. 2° posto per la nostra Roberta Ponziani seguita da Sara Sanchez. Campionato...
Luca Marini MotoGP 2024-min

Nella MotoGP 2024 chi vorrebbe essere Luca Marini?

0
Nella MotoGP 2024, sembra che la vera gara sia alla ricerca di una sella per l'anno prossimo: che posizione ricopre Luca Marini? Ne comoda,...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.