venerdì, Ottobre 23, 2020
Home Accessori Abbigliamento VIDEO: La stanza segreta di Valentino Rossi. 4° parte, Caschi speciali

VIDEO: La stanza segreta di Valentino Rossi. 4° parte, Caschi speciali

Eccoci giunti al 4° Episodio di questo format Dainese. Oggi la stanza segreta di Valentino Rossi racconterà l’evoluzione dei suoi caschi. Nello stesso armadio contenente oltre 100 tute, ci sono tutti i caschi utilizzati in carriera. 

La stanza segreta ed i caschi di Valentino Rossi

Il casco è di vitale importanza per la sicurezza di chi va in moto, sia esso un tranquillo utente stradale, o un 9 volte Campione del Mondo di MotoGP. Vale si è sempre affidato ad AGV, con la quale ha sviluppato numerose evoluzioni per tutti gli utenti. Un buon casco deve avere importanti requisiti: proteggere il pilota dagli urti; essere comodo da indossare; concedere la miglior visuale possibile. Lo stesso Rossi ha, per sua stessa ammissione, l’abitudine di guidare con la testa bassa, per ottimizzare la penetrazione aerodinamica. Questo impone una visuale molto ampia.
Se l’utente è Valentino Rossi, questi caschi non possono prescindere da grafiche personalizzate e sgargianti. Gli elementi irrinunciabili delle sue grafiche (storicamente curate da Aldo Drudi) sono: l’alternanza di sole e luna ed il colore giallo fluo. Le prime tracce emergono nel lontano 1996, stagione del suo debutto nel Motomondiale. Scorrendo la sua collezione, si passa ai modelli più recenti. Una pietra miliare è l’AGV Ti-Tech, che ha usato dal 2003 al 2005, e con il quale ha vinto ben 3 titoli mondiali consecutivi. Altro step significativo è l’arrivo nel 2008 dell’AGV Gp-Tech. Ovviamente, tanta tecnica ben si sposa con i soggetti delle gag, con le quali ha sempre celebrato le sue vittorie.

Bonus Track

Il tour nella stanza segreta di Valentino Rossi si chiude con alcune sorprese. In un reparto dedicato, vediamo i caschi che il Dottore ha scambiato nella sua carriera con i suoi avversari (Manako, Harada, Okada, Pedrosa), nonchè con altri piloti di diverse discipline: F1 (Senna, Mansell, Schumacher, Massa); Motocross (McGrath, Carmichael, Everts, Fonseca, Reed); Nascar (Busch).
Sono inoltre presenti i guanti. Per questi ultimi, valgono i requisiti dei caschi: protettività, sensibilità e comodità. Valentino esordisce con la presentazione dei suoi primi guanti da gara, risalenti al 1993. Si tratta di guanti rivestiti di sola pelle. Li confronta poi con quelli utilizzati di recente, sempre più protettivi e ricchi di titanio e carbonio. La visita guidata si conclude con una rapida occhiata alle saponette, meglio conosciute come sliders. Esse servono a favorire il contatto con l’asfalto, rendendolo fluido e sicuro. Rossi ne colleziona moltissime, annotando su ciascuna il risultato ottenuto in quella gara. Molte sono anche oggetto di aste e donazioni in beneficenza.
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

MotoGP Teruel 2020 FP1

MotoGP Teruel 2020 FP1. Alex Marquez parte deciso

0
Suo malgrado protagonista di una voce contrattuale, Alex Marquez parte deciso nelle FP1 della MotoGP 2020 a Teruel. 2° Takaaki Nakagami, a...
Il viaggio di Marika

Il viaggio di Marika in Sardegna continua

0
La scorsa settimana parlavamo di un viaggio in moto molto particolare: quello di Marika, con Simone Zignoli e Francesca Gasperi. Marika è...
Alex Marquez Honda

Alex Marquez Honda Repsol e Pol Espargaro in LCR. Bluff?

0
Alex Marquez in Honda Repsol e Pol Espargaro in LCR nel 2021. Nelle ultime ore sta trovando credito questo rumor di corridoio,...