martedì, Marzo 5, 2024
HomeSportMotoGPMarc Marquez: ma perché gli si augurano cadute?

Marc Marquez: ma perché gli si augurano cadute?

Il 2024 di Marc Marquez in Ducati non è neppure cominciato e già gli haters italici auspicano per lui delle cadute. Ma che gusto ci prova certa gente?

Le cadute di Marc Marquez

Partiamo da un presupposto: Marc Marquez è un pilota che guida al limite. Vi è costretto dalla Honda che ha guidato finora, da tempo non più competitiva; lo fa per la sua natura, notoriamente incline al superamento di se stesso.

Come la guida di Jorge Martin è estrema fisicamente, quella di Marc lo è tecnicamente. Frena forte (anche se ormai Pecco Bagnaia e Fabio Quartararo frenano più giù di lui), entra fortissimo in curva, mantenendo una velocità molto alta alla corda (il che lo porta a piegare più di altri) e cerca di accelerare prima di tutti, con la moto che sobbalza. Facile incappare in cadute.

Faded

Alcune fazioni italiane non hanno ancora digerito il finale della stagione 2015 quando Marc Marquez osteggiò Valentino Rossi nella conquista del suo 10° titolo mondiale. Teorie cospirazioniste che, sia pur basate su un fondo di verità, sono state recentemente rispolverate in occasione della gara di Valencia. Jorge Martin e Pecco Bagnaia si giocavano il titolo e il catalano è stato accusato di favorire, ora uno, ora l’altro pilota.

La verità è che Marquez, come tutti i piloti arrivati lassù, è un pilota egoista, che pensa prima di tutto a se stesso. Quando in qualifica si attacca ad altri piloti, lo fa per remare contro di loro o per fare giri record lui? Guardate questo VIDEO e poi rispondete.

Fuori con l’accuso

Per questo, non capiamo come si possa augurare ad un pilota di cadere. Quale stupido costrutto mentale porti certa gente ad ignorare le conseguenze di un simile avvenimento. Ogni volta che un pilota cade, potrebbe farsi seriamente male. Financo morire. Fare le fiaccolate per un pilota e poi augurare ad un altro di cadere il giorno dopo, rischia di farvi passare per ipocriti.

Lo dimostra l’incidente di Marco Simoncelli nel 2011: una scivolatina dinamicamente stupida che però gli costò la vita, dal momento che fu travolto da Colin Edwards e Valentino Rossi. Ci spiace ma, simpatie o antipatie a parte, chi augura ad un pilota di cadere non capisce un benemerito ***** di motociclismo.

Where’s the feeling

Di più, non è in grado di apprezzare quello che i piloti riescono a fare: dare un anima a quella che, apparentemente, è solo una macchina. Un organo meccanico.

Ma abbiamo noi il rimedio. Andate a vedere qualche gara dal vivo. Se ne avete la possibilità, posizionatevi in questi punti: il Curvone di Misano (270 km/h in 6° piena con la MotoGP) e la San Donato al Mugello (staccata dai 360 ai 90 km/h). E poi diteci se certi mostri meritano di sbagliare e cadere in certi punti.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Brembo MotoGP 2024-min

Brembo rinnova con la MotoGP anche per il 2024

0
Brembo rinnova con la MotoGP, che fornirà anche nel 2024. Inclusi nel pacchetto anche diversi benefits aziendali. Volete sapere quali? Brembo insieme alla MotoGP nel...
Bagnaia Campione del Mondo 2023-min

Pecco Bagnaia rinnova con Ducati fino al 2026. E questo ce lo abbiamo

0
Pecco Bagnaia rinnova con Ducati fino al 2026: notizia nell'aria, in cerca di concretezza. Tra il titolo mondiale e la firma sono passati 3...
Kove Moto ADV 800X-min

Kove Moto ADV 800X. Potente e…leggera

0
Il brand asiatico Kove Moto presenta negli USA la ADV 800X: una esponente della moda attuale, ad un prezzo concorrenziale. E badate bene che...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.