mercoledì, Settembre 28, 2022
HomeSportMotoGPMaverick Vinales caduto facendo Motocross. Nessuna frattura

Maverick Vinales caduto facendo Motocross. Nessuna frattura

Maverick Vinales è caduto oggi facendo Motocross.  A riportarlo, un post nei profili social di Yamaha su cui è scritto:

“Maverick Vinales ha avuto una caduta durante un allenamento con la moto da Cross oggi. Ha sostenuto un Check-up medico e sta bene: non ha fratture. Passerà la notte in ospedale, per precauzione. Guardiamo avanti e speriamo di rivederlo presto in azione.”

Maverick Vinales caduto facendo Motocross

Il 25enne di Figueres ha recentemente rinnovato il suo sodalizio con Yamaha. Nel 2019 si è dimostrato piuttosto veloce sulla moto di Iwata, centrando 2 successi ad Assen e Sepang e sfiorandone un altro a Phillip Island. Tutto ciò, mentre la Yamaha sta visibilmente crescendo, al punto di indurre Jorge Lorenzo a rivedere il suo rapporto con la velocità, tornare come tester e fare una wildcard nel GP di Catalogna. Logico quindi che, per un 2020 così importante, Maverick si prepari al meglio. Il Motocross è una disciplina nella quale si dilettano molti piloti di velocità: Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci, a suo tempo Marco Melandri e Casey Stoner, in quanto specialista della materia. Molte polemiche nacquero attorno a questa disciplina, quando Valentino Rossi si infortunò 2 volte nel 2017. Ne venne messa in discussione l’utilità.

Utile e dilettevole

A detta dei piloti, fare Motocross aiuta molto chi corre nella velocità: non potendosi allenare con i prototipi da gara, i piloti di MotoGP riproducono fedelmente nel Cross quanto accade tra i cordoli. In entrambe le competizioni, si impiegano molti muscoli; nel Cross bisogna calibrare bene i movimenti, più che nella MotoGP, dove tutto avviene, però, a velocità molto più elevate. Inoltre, guidare sullo sterrato aiuta a centellinare l’accelerazione e la frenata. In caso di caduta, le velocità sono molto più basse, i rischi molto più grandi. Alla fine, le sensazioni sono simili e si compensano definitivamente quando entra in gioco l’ingrediente fondamentale per un pilota: l’adrenalina. Tornando al presente, anche noi ci auguriamo di vedere presto Maverick in pistainsieme a tutti i suoi avversari.
 

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Brixton Cromwell 1200 prova

Brixton Cromwell 1200 prova. Don’t speak British

0
Il nome potrebbe trattare in inganno. Ed in effetti di british c’è poco o niente, se non uno stile che ricorda le classiche scrambler...
Patente moto

Novità per la Patente moto: un corso al posto dell’esame di guida

0
Sono in arrivo grandi novità per gli appassionati di moto: la legge del 5 agosto numero 108 ha introdotto alcune modifiche all’attuale disciplina per...
Moto Morini Granpasso 1200-min

Moto Morini Granpasso 1200. A scuola dalla Tracer

0
Moto Morini deposita un brevetto della Granpasso 1200. Subito diramata sul web, la bozza presenta vaghe analogie con la Yamaha Tracer. La Moto Morini Granpasso...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.