sabato, Agosto 15, 2020
Home Mercato Mercato 2 ruote Giugno 2020. Timidi cenni di ripresa

Mercato 2 ruote Giugno 2020. Timidi cenni di ripresa

Dopo un periodo estremamente difficile per il settore, il Mercato delle 2 ruote di Giugno 2020 svela timidi cenni di ripresa.

PAOLO MAGRI, Presidente di Confindustria ANCMA:

“Si continuano a scegliere le 2 ruote per passione e anche come soluzione veloce, sostenibile ed efficiente. Leggere finalmente un dato positivo conferma ancora il valore simbolico del nostro settore nella ripresa dopo un periodo così complicato e doloroso. Malgrado il dinamismo della domanda, che ridà ossigeno anche a una rete di vendita molto provata dal periodo di lockdown, nel primo semestre abbiamo perso il 22,6%. Permane quindi un contesto economico di grave crisi. Per la natura stagionale del nostro mercato, i volumi persi non saranno recuperati e su questo scenario negativo continuiamo a chiedere l’attenzione delle Istituzioni nazionali e anche in sede europea. Stiamo quindi sostenendo la deroga all’entrata in vigore dell’omologazione Euro5”.

Mercato 2 ruote Giugno 2020

Nel totale anno (Gennaio – Giugno 2020), le immatricolazioni raggiungono le 106.874 unità (-23% rispetto allo stesso periodo del 2019), con le moto che immatricolano 47.959 veicoli (-23,7%) e gli scooter che fanno registrare 58.816 unità (-22,3%). I ciclomotori perdono il 17,1% con 7.984 veicoli venduti. Nel complesso, il mercato si attesta sulle 114.858 unità, con un calo del 22,6%.

Negli scooter dominano le cilindrate 300500cc: 21.205 mezzi venduti (-27,4%); minore la flessione dei 125cc con 21.191 veicoli (-23,9%). Seguono le cilindrate 150-250cc, con 9.723 unità (-20,3%), mentre i maxi scooter Over 500cc, con 6.714 unità, hanno già recuperato le perdite del Lockdown: +3%.

Nelle moto, le cilindrate Over 1000cc salgono al vertice con 12.205 veicoli immatricolati (-23,2%), seguite dalle cilindrate 800-1000cc con 11.793 unità (-35,5%). Al 3° posto le 650-750cc con 9.005 veicoli (-11%). Le 300-600cc segnano un calo del 18,5% con 8.862 mezzi venduti, mentre il segmento delle 125cc, con 4.866 pezzi, evidenzia una flessione del 25,6%. Chiudono le cilindrate comprese 150-250cc che, a fronte di sole 1335 immatricolazioni, fanno segnare il calo più contenuto (-1,4%).

Nell’analisi per segmento moto, guadagnano la prima posizione le Naked, con 18.045 veicoli venduti (-23,8%); seguono a breve distanza le Enduro, che fanno segnare una flessione del 21,7% pari a 17.390 unità. 3° segmento per rilevanza numerica, le Touring, che fanno registrare 6.202 mezzi (-25%). Seguono le custom con 2.384 pezzi (-28,7%) e le sportive, che fanno registrare un calo del 22,2% e 2.338 veicoli venduti. Chiudono Supermotard e Trial, rispettivamente con 1.147 unità (-37,1%) e 491 unità (-19,1%).

Mercato 2 ruote Giugno 2020 – Top 10 moto

1BENELLITRK 502 / TRK 502 XEnduro718
2HONDANC 750 XEnduro699
3HONDAAFRICA TWINEnduro677
4BMWR 1250 GSEnduro541
5HONDACB 650 RNaked510
6YAMAHATRACER 900Turismo477
7HONDACB 500 XTurismo338
8YAMAHAMT-07Naked329
9MOTO GUZZIV7Naked324
10YAMAHAMT-09Naked300

Top 10 Scooter

1HONDA ITALIASH 300Scooter1.920
2HONDA ITALIASH 150Scooter1.542
3PIAGGIOBEVERLY 300 ABSScooter1.523
4HONDA ITALIASH 125Scooter1.324
5HONDAX-ADV 750Scooter983
6YAMAHATMAXScooter971
7KYMCOAGILITY 125 R16Scooter963
8PIAGGIOLIBERTY 125 ABSScooter953
9HONDAFORZA 300Scooter866
10YAMAHAXMAX 300Scooter724

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

MotoGP Austria 2020 FP2

MotoGP Austria 2020 FP2. Jack Miller davanti e la KTM…

0
Jack Miller al comando delle FP2 della MotoGP 2020 in Austria. Condizioni ibride tra asciutto e bagnato. 2° Iker Lecuona e 3°...
MotoGP Austria 2020 FP1

MotoGP Austria 2020 FP1. Pol Espargaro apre il gioco

0
Pol Espargaro apre il gioco delle FP1 della MotoGP 2020 in Austria, girando in 1:24.193'. 2° Andrea Dovizioso che lo segue a...
MotoGP Austria 2020 Conferenza Stampa

MotoGP Austria 2020 Conferenza Stampa. E in caso di pioggia?

0
La Conferenza Stampa della MotoGP 2020 in Austria si apre tra i punti interrogativi. Primo fra tutti: come mai KTM è andata...