lunedì, Maggio 16, 2022
HomeSportCIVMichele Pirro: quando vincere al CIV diventa un reato

Michele Pirro: quando vincere al CIV diventa un reato

Le numerose vittorie di Michele Pirro al CIV sembrano spiacere agli appassionati, che in lui vedono l’omicida del Campionato. Ma che colpa ne ha il buon Michele?

Michele Pirro ancora Re del CIV

3 vittorie in 4 gare ed il CIV SBK 2022 sembra assumere i colori del variegato percorso che dalla Calvenzano (BG) del Team Barni porta alla San Giovanni Rotondo (FG) di Michele. Ovviamente passando per Borgo Panigale (BO) dove ha sede Ducati. Pirro è velocissimo in sella alla Panigale V4R; la sua guida è di una fluidità imbarazzante e la sua lettura di gara, spietata. Ci sarebbe solo da imparare da certi atleti. Eppure ad alcuni questo spettacolo non piace.

Monografia

Molti imputano al talento del collaudatore-pilota il “reato” di uccidere il campionato e, con esso, le speranze di chi vi prende parte. Peraltro, sborsando cifre importanti. Secondo i detrattori, ad un pilota che in MotoGP arriva a punti, pur correndovi come wildcard quando capita, un campionato nazionale va stretto. E questo non giova neppure al campionato stesso, il cui numero di iscritti calerebbe ulteriormente. Perché iscriversi ad un campionato che sai già di non poter vincere?

Manuale

Per ricavare da esso una motivazione ulteriore. Oltre di qualsiasi prosopopea, tutti i piloti forti lavorano molto su loro stessi. Studiano ogni centimetro della pista; monitorano l’evoluzione di qualsiasi parametro; nel frattempo, rischiano ad ogni curva. Se poi, come nel caso di Pirro, sono assistiti da un team di livello qual è Barni Racing, allora vincere può diventare un’abitudine. Anche se nel 2016 un certo Matteo Baiocco si è affermato sul suolo di Pirro. Anche se nel 2020 Lorenzo Savadori e l’Aprilia hanno vinto il CIV SBK in carrozza.

E siamo pertanto sicuri che, laddove ci fossero vincitori diversi ad ogni gara, molti si lamenterebbero di “instabilità agonistica”, che falserebbe i valori in campo. Cosa fare quindi? Per ora, godiamoci questo spettacolo di pilota e i suoi degni avversari.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Suzuki nuovi progetti 2023

Suzuki accantona la MotoGP per nuovi progetti nel 2023

0
Come ben sappiamo, Suzuki non parteciperà alla MotoGP nel 2023 e si dedicherà a nuovi progetti per la clientela stradale. Decisione saggia? Quali saranno i...
Mir Rins MotoGP Le Mans 2022

Mir e Rins MotoGP Le Mans 2022: 2 errori casuali?

0
Mir e Rins cadono entrambi nella gara di MotoGP 2022 a Le Mans. Il fatto che Suzuki abbia inaspettatamente annunciato il ritiro a fine...
Bagnaia MotoGP Le Mans 2022

Bagnaia MotoGP Le Mans 2022: non si va a cadere così!

0
Pecco Bagnaia cade nella gara di MotoGP Le Mans 2022 e probabilmente dice addio alle speranze iridate. Un errore davvero fatale, considerata l'agguerrita concorrenza....

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.