mercoledì, Settembre 28, 2022
HomeSportMotoGPMotoGP 2020 a porte chiuse. Un idea razionale?

MotoGP 2020 a porte chiuse. Un idea razionale?

Come vediamo, il calendario del Motomondiale si aggiorna di settimana in settimana. Gli sviluppi relativi alla diffusione del Coronavirus non sono uniformi, ma al tempo stesso presentano rischi in tutto il mondo. Presto un comunicato stampa annuncerà la cancellazione della gara del Sachsenring in Germania e si ipotizza un ritorno in pista per Agosto. Non c’è nulla di certo al momento e Dorna si prepara ad un provvedimento in extremis: far correre la MotoGP 2020 a porte chiuse.

MotoGP 2020 a porte chiuse

Correre la MotoGP 2020 a porte chiuse sarebbe l’unico modo per rivitalizzare una branca del Motorsport in forte crisi. Proprio per questo, Mike Trimby (da parte di IRTA) ha richiesto a ciascun team di elencare il personale necessario per poter svolgere una gara. La lista si compone di elementi indispensabili: nessun addetto stampa e media; nessuno sponsor; niente di inerente alle Hospitality o le pubbliche relazioni. Un organigramma ridotto all’osso per poter disputare circa la metà dei GP in calendario.
La faccenda si può vedere da varie angolazioni. Quella prettamente umana sconsiglia un provvedimento simile: pur limitando allo stretto necessario il personale, ci sarebbero comunque molte persone in giro, costrette a lavorare in spazi ridotti. Oppure, rispettando le misure precauzionali, difficilmente svolgerebbero appieno le loro mansioni. Inoltre, le manifestazioni potrebbero apparire scarne, anonime e forzate.
Focalizzandosi sul lato economico, comprendiamo la scelta di Dorna di voler salvare il salvabile e va detto che molti team privati stanno accusando o accuseranno a breve il contraccolpo economico. Le sponsorship diminuiscono a vista d’occhio e molti piloti dovranno arrangiarsi. Le eventuali 10 gare a porte chiuse li aiuterebbero non poco.
Voi cosa ne pensate?
 

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Brixton Cromwell 1200 prova

Brixton Cromwell 1200 prova. Don’t speak British

0
Il nome potrebbe trattare in inganno. Ed in effetti di british c’è poco o niente, se non uno stile che ricorda le classiche scrambler...
Patente moto

Novità per la Patente moto: un corso al posto dell’esame di guida

0
Sono in arrivo grandi novità per gli appassionati di moto: la legge del 5 agosto numero 108 ha introdotto alcune modifiche all’attuale disciplina per...
Moto Morini Granpasso 1200-min

Moto Morini Granpasso 1200. A scuola dalla Tracer

0
Moto Morini deposita un brevetto della Granpasso 1200. Subito diramata sul web, la bozza presenta vaghe analogie con la Yamaha Tracer. La Moto Morini Granpasso...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.