mercoledì, Aprile 21, 2021
HomeSportCIVPierfrancesco Pileri contro FMI: "Una gestione becera"

Pierfrancesco Pileri contro FMI: “Una gestione becera”

Dopo la vittoria del rookie Pedro Acosta nella gara di Moto3 a Doha, Pierfrancesco Pileri si è scagliato e duramente contro la FMI. La gestione, a suo dire superficiale, del motociclismo italiano decreta la mancanza di talenti in grado di emergere nel mondiale.

Pileri: chi era costui?

Pierfrancesco Pileri, umbro di Terni come Danilo Petrucci, è stato un team manager importante nel Motomondiale. Loris Capirossi ha corso ed è rimasto fedele al suo team dal 1990 al 1995, correndo in 125, 250 e 500. Oltre a Capirex, molti altri nomi noti hanno calcato la moquette del suo team: Fausto Gresini, Paolo Casoli, Ezio Gianola. Le sue moto hanno sempre performato alla grande sulle piste di tutto il mondo: basti pensare che Capirossi ci vinse 2 titoli mondiali in 125, sfiorandone altri 2 in 250.

Io c’ero

Le moto private, tenute insieme con le fascette e con imprese locali come sponsor sulle carene; i piloti dalla tuta rattoppata con il nastro da pacchi; l’eroe privato che scarica la moto dal furgone e vince la gara. Lui si che c’era ed era parte attiva dello spettacolo. Ma in nome di quanto accaduto con lo spagnolo Pedro Acosta Domenica scorsa, è ben conscio che certi tempi sono ormai finiti. Almeno per gli italiani e questo è un doppio motivo di tristezza. Sulla sua pagina Facebook, Pierfrancesco Pileri affonda contro la FMI.

MalaFMI

Pierfrancesco Pileri:

“Dopo aver visto le gare di ieri ed aver ammirato Acosta e Martin, non posso che essere triste per il perdurare della becera gestione della FMI, nei riguardi della formazione e crescita dei piloti di casa nostra. D’altronde è stato sempre così. Io posso parlare, in quanto non ho mai avuto un centesimo da loro e ne sono fiero. Sta calando anche l’onda lunga del VR46. infatti non impegnandosi in moto3, non possono far crescere piloti. Loro sono un’impresa commerciale e non sono discutibili. Dico solo una cosa: per avere un’appuntamento con il Presidente Copioli ci vogliono circa 2 mesi; per parlare con il Presidente della Real Federaccion Motociclista Española, mi basta una telefonata. Io posso parlare perché a 65 anni non ho alcun progetto da farmi finanziare e quindi non sono di parte. MEDITATE GENTE!!!”

Scambio equo

Che la FMI non sia un’associazione No Profit, è risaputo. Anche a detta di suoi pur fedeli discepoli quali: Luca Pedersoli, Luca Vitali, Andrea Mantovani, Simone Saltarelli etc. Non investire sul ricambio generazionale di giovani leve significa, paradossalmente, auto-danneggiarsi. Viceversa, supportarli nella loro crescita paga in termini di pubblicità. Vengono in mente nomi come Fabio Di Giannantonio, Franco Morbidelli, Davide Giugliano, Danilo Petrucci etc.

La nascita della tragedia

Le crescenti richieste economiche (succede sempre quando si parla di “ridurre i costi”) e la deriva verso il professionismo hanno evirato questo mondo della genuinità delle gare amatoriali, fornendogli contenuti tecnici giocoforza inferiori a quelli richiesti nel mondiale. Un ibrido che non è gradito dai più, infatti orientati altrove. Viene in mente Fabrizio Perotti che illo tempore partecipò al CEV; Alex Polita dedito al TT, Macau, Imatra fino all’IDM.

In ottica futura

Piloti aggrappati come muscoli allo scoglio del mondiale o di altri campionati europei, pur di non vanificare i tanti sacrifici fatti negli anni. Non si veda il post di Pileri come l’ennesimo “sfogo del silurato” (per sua stessa ammissione, non è mai entrato nei sacri cancelli) ma come l’amara constatazione di quanto il mondo delle 2 ruote sia cambiato. Ma proprio in quanto ruote, fanno sempre in tempo a girare.

Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Tito Rabat MotoGP

Tito Rabat torna in MotoGP per sostituire Jorge Martin

0
Tito Rabat torna in MotoGP in sostituzione di Jorge Martin. Il Campione del Mondo di Moto2 2014 cavalcherà la Ducati Desmosedici del team Pramac....
Test Aragon 2021 WorldSBK Day 1

Test Aragon 2021 WorldSBK Day 1. Rea batte Crutchlow

0
Nel Day 1 dei test WorldSBK 2021 ad Aragon, Jonathan Rea e la sua Kawasaki ZX10RR WorldSBK battono Cal Crutchlow sulla Yamaha M1 MotoGP....

Vircos Racer 1. Tuta intera in pelle da MotoGP

0
La Zoom Review di oggi è dedicata alla tuta intera da moto Vircos Racer 1, della linea bespoke racing gear. Un prodotto Made in...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.