lunedì, Agosto 10, 2020
Home Altre News Pit bike, da sport di nicchia a fenomeno (quasi) di massa

Pit bike, da sport di nicchia a fenomeno (quasi) di massa

Non hanno ancora raggiunto la popolarità della Superbike e della MotoGP, ma le competizioni che vedono scendere in pista le pit bike stanno ottenendo un seguito sempre più consistente. In tutta Italia, da Nord a Sud, si va moltiplicando il numero di tracciati dedicati a queste mini bike, che ormai non devono più adattarsi a spazi di fortuna o ricavati in altri contesti, ma possono contare su piste che vengono sviluppate e messe a punto in maniera specifica proprio per le pit bike. Si tratta di circuiti che, ovviamente, sono meno veloci rispetto a quelli su cui corrono le moto standard, ma che pur essendo più brevi sono in grado di regalare le stesse emozioni e la stessa carica di adrenalina.

Come iniziare a correre in sella a una pit bike

Chi fosse interessato a cimentarsi in una gara o semplicemente in una prova in sella a una pit bike deve sapere che per una giornata in pista i costi sono più che abbordabili, e il rapporto qualità prezzo è più che eccellente anche per l’acquisto dei mezzi stessi. Si tratta, insomma, di moto economiche e che al contempo garantiscono gli standard di affidabilità più elevati. Non importa quale sia la cilindrata per cui si decide di optare, dal momento che in nessun caso è richiesto il possesso della patente. Lo sport, infatti, può essere praticato unicamente nelle piste apposite, ma senza distinzioni tra bambini, ragazzi o adulti, proprio perché non è necessaria alcuna patente di guida. Le dimensioni ridotte delle pit bike garantiscono le stesse emozioni in scala di una moto vera.

Pit Bike Store

Pit Bike Store è l’e-commerce in cui è possibile trovare i brand più importanti di prodotti after market per il settore: un vero e proprio punto di riferimento sia per i piloti che ormai hanno imparato a divertirsi con queste moto che per coloro che sono alle prime armi. Il sito presenta, tra l’altro, una sezione dedicata ai bambini e ai ragazzi, con mini quad e mini cross: insomma, assicura un servizio completo tanto per gli amatori quanto per i professionisti.

Chi può correre su una pit bike

Per iniziare a sfrecciare a bordo di una pit bike non c’è una soglia minima di età da rispettare né si applica un limite massimo. Gli utenti che stanno per iniziare da zero possono già partire con una moto da 125 di cilindrata, la stessa che viene utilizzata dai più esperti.
Non c’è bisogno di aspettare chissà quanto per riuscire a prendere dimestichezza con le pit bike, che naturalmente vanno guidate come tutte le altre moto, ma che offrono il vantaggio di risultare molto più maneggevoli. Gli assetti a disposizione sono diversi, a seconda che si sia piloti già bravi o principianti.

Le cilindrate

La cilindrata più bassa è quella da 50 cc: in genere viene privilegiata per le pit da cross destinate ai bambini. Dopodiché si può passare alle moto da 125, tutte rigorosamente con motori  4 tempi. A mano a mano che si accumula esperienza, poi, si può arrivare fino alle pit bike da 190 cc di cilindrata, in grado di coniugare agilità e potenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

VIDEO: Contatto tra Zarco ed Espargaro. Penalità giusta?

0
Nel GP di Brno, KTM ha sorpreso per la sua velocità. Oltre a Brad Binder che ha vinto la gara, Pol Espargaro...
Andrea Dovizioso sulla gara di Brno

Andrea Dovizioso sulla gara di Brno: “Tanti problemi”

0
Dopo un 18° posto in qualifica ed un 11° in gara, Andrea Dovizioso dice la sua sulla gara di Brno. Le ore...
Valentino Rossi sulla gara di Brno

Valentino Rossi sulla gara di Brno: “Mi sono divertito”

0
La gara di Brno è stata sorprendente sotto diversi punti di vista: la pole di Johann Zarco, la vittoria di Brad Binder...