mercoledì, Maggio 22, 2024
HomeAltre NewsSan Valentino 2024: ma quanto è bello viaggiare in coppia?

San Valentino 2024: ma quanto è bello viaggiare in coppia?

Il giorno di San Valentino apre una nuova fase del 2024: quello delle ricorrenze e di quei colori accesi che ci ricordano il fiorir della primavera. Quanto è bello condividere i giri in moto con qualcuno?

San Valentino 2024

Pensateci. Accantonando un momento le moto, tutte le attività hanno un sapore diverso se condivise con qualcuno. Figurarsi cavalcare una moto, la cui semplice struttura ci permette di raggiungere luoghi e provare emozioni incredibili. Anche andando piano e preoccupandoci di un’altra persona. Di più, può farci crescere a livello personale, scoprendo lati sconosciuti del nostro carattere.

Primo appuntamento in moto - 2.4-min

Or bene, cosa significa andare in moto con un’altra persona? Innanzitutto, fiducia. Personalmente, ho sempre sostenuto che la guida dichiari molto sulla nostra personalità (QUI un articolo che approfondisce l’argomento). E possa permettere agli altri di conoscerci davvero.

Reggiti a me

Fidarsi significa abbassare le proprie difese e vivere un momento nella sua totalità. Senza paranoie o ipotesi. In moto è necessario. Se non riponiamo fiducia in chi ci porta, siamo rigidi. Di questo si accorge anche il guidatore, il quale sarà a sua volta più teso. Insomma, sarà una fatica doppia, oltre che inutile.

E a noi che guidiamo, cosa insegna un’altra persona, sia essa anche estranea al nostro mondo? Ve lo diciamo in due parole: a guidare.

Chi non ha talento insegna

Esatto, a guidare. Quando siamo soli, dobbiamo render conto solo a noi stessi. E per quanto il nostro stile di guida possa apparirci poco confortevole, siamo solo noi a risponderne (oltre che alla moto). Avere una guida morbida aiuta anche l’altra persona.

Accelerare e frenare dolcemente, impostare le pieghe delicatamente e soprattutto godersi, una volta tanto la compagnia, non solo l’oggetto. Parliamoci chiaro: per quanto bello possa essere un paesaggio o divertente una certa strada, condividerli con qualcuno ha tutto un altro sapore.

Ricordati di me

Se siete alla guida, istruite a dovere il vostro passeggero: quali sono le manovre che possono aiutarvi? Quali vanno assolutamente evitate? Se saprete farlo con umiltà e comprensione, apprezzerà. Contrariamente, avrete una risposta ancor prima di porvi la domanda.

San Valentino 2024 - Teach-min

Chiedete spesso se vada tutto bene: andatura, stile di guida, temperatura, soste etc. E non lesinate sulle soste. Il fatto che voi non ne abbiate bisogno non significa che sia così anche per chi vi accompagna.

Solitario

Vi siete mai trovati ad una cena o una festa nella quale non conoscevate nessuno? O dove semplicemente si parlava di argomenti che non conoscevate? Non dovrà avervi fatto piacere. Bene, fate in modo che non accada con la persona che siede dietro di voi.

Se in cima al passo troverete molti motociclisti ben propensi a dialoghi sui generis riguardo le moto e chi è con voi non padroneggia l’argomento, non estromettetel*. Cercate:

A) di coinvolgerlo, magari utilizzando esempi o parallelismi con il suo mondo;

B) di non farvi coinvolgere troppo voi;

C) di parlare con gli altri, tenendo sotto braccio il vostro partner. Sarà un gesto di prossimità molto importante.

San Valentino 2024 e l’alto tradimento

Piccola parentesi personale, che potrà aprire a spunti di riflessione interessanti. Una volta, proprio con la scusa di un giro in moto, conobbi una persona davvero molto interessante. Come naturale, il lungo giro ci portò a conoscerci meglio anche su altri aspetti. Ed un suo ragionamento mi fece riflettere molto.

Passeggero in moto-min

Andare in moto con qualcuno che non sia il nostro partner, alle volte può essere considerato alla stregua di un tradimento, tale è la sinergia e la vicinanza che si stabilisce con esso. Voi cosa ne pensate? Siete d’accordo/vi è mai capitato? Ovviamente, si parla di giri che facciano almeno scaldare il motore, non del “giretto dell’isolato”.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

CFMoto 500SR Voom-min

CFMoto 500SR Voom. Leggete che motore ha!

0
CFMoto ed il tuner Modena40 lanciano la 500SR Voom: un progetto eclettico, forse indefinito, ma molto fascinoso. E poi con quel motore... CFMoto 500SR Voom:...

Royal Enfield Him-E. Praticamente una Himalayan elettrica che…

0
Royal Enfield ufficializza la produzione della Him-E: una versione elettrica della fortunata Himalayan che arriverà nel 2027. D'altronde ce la ricordiamo dallo scorso EICMA. Royal...
Honda Africa Twin radar telecamere-min

Sulla Honda Africa Twin arrivano la telecamera ed i radar

0
Africa Twin è il non plus ultra della moto versatile, per giunta prodotta da Honda: e se vi dicessimo che adesso avrà anche una...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.