Home News SBK Magny Cours. Rea vince Gara 2 e il 5° Mondiale

SBK Magny Cours. Rea vince Gara 2 e il 5° Mondiale

Termina il Campionato della SBK a Magny Cours: Rea vince Gara 2 e titolo Mondiale; 2° Van der Mark, ancora in lotta per la vittoria; 3° Lowes anch’egli su Yamaha.

Cala il sipario sul titolo SBK a Magny Cours

Dopo il dominio di Bautista nelle prime 11 gare del Campionato, i passi falsi di metà stagione che lo hanno portato alla polemica rottura con i vertici di Borgo Panigale. Nel frattempo Rea non si è arreso ma ha pazientemente incassato delle preziosissime piazze d’onore, fino ad accumulare un vantaggio oltre i 100 punti iridati.

Bautista fuori da Gara 2 e dalla lotta al Titolo

In Gara 2, Bautista parte bene, deciso a raggiungere le prime posizioni senza concedere nulla ai suoi avversari. Ancora una volta appare aggressivo e determinato ma i suoi piani vanno in fumo dopo poche tornate: Ratzgatlioglu perde l’anteriore alla curva Adelaide, cade e l’incolpevole Bautista non riesce ad evitarlo, cadendo anch’egli. Il suo ritardo di 104 punti iridati da Rea, sommato al ritiro, sale a 124 punti. Rea è ancora 2° alle spalle di Van der Mark ma non sembra disposto ad accontentarsi. Bautista è fuori da Gara 2 e dalla lotta al titolo Mondiale.

Guerra fredda tra Rea e Van der Mark

In questo momento troviamo Rea alle spalle di Van der Mark, che pur non riuscendo a scappare, sembra voler vincere a tutti i costi Gara 2. Sa che un 2° posto sarebbe un risultato eccezionale, considerando l’OUT di Bautista ma oggi Rea non si accontenta: studia l’avversario, lo segue da vicino inducendolo all’errore (obiettivo centrato in Gara 1, NDA) e prova qualche sorpasso senza mai finalizzare l’azione. E’ guerra fredda tra Rea e Van der Mark.

Rea vince Gara 2 e Mondiale SBK a Magny-Cours

Superata la metà Gara, Rea sferra l’attacco decisivo su Van der Mark ed attua la sua tattica preferita: fuga solitaria, inesorabile e senza possibilità di replica. Ancora alcune tornate e raggiunge la bandiera a scacchi: Rea vince Gara 2 e il suo 5° Mondiale consecutivo nella SBK a Magny-Cours e ai media dichiara entusiasta:

“Non mi aspettavo davvero di vincere qui il mio 5° Mondiale consecutivo. Ad inizio stagione eravamo in difficoltà contro Bautista e la Ducati ma abbiamo lavorato sodo e con impegno senza mai mollare

Questo dimostra ancora una volta quanto sia importante capitalizzare i piazzamenti meno allettanti, in ottica Mondiale.

Yamaha in gran forma a Magny Cours

Gara 2 del GP di SBK a Magny-Cours conferma quanto Yamaha sia in gran forma sul tracciato transalpino: equilibrata nelle varie aree tecniche e performante con più piloti. Van der Mark è stato il più aggressivo durante il weekend, inespugnabile in staccata e correttamente razionale. Ai media dichiarerà soddisfatto:

“Sono davvero contento di questo risultato. Tra Gara 1 e Gara 2 abbiamo migliorato alcune cose sulla moto ed oggi ho dato veramente tutto.

Più smooth ma piuttosto efficace Sam Lowes che raggiunge i primi 2, senza però insidiarli, ed agguanta il 3° gradino del podio. Degno di nota anche il 5° posto di Loris Baz ed il 6° di Marco Melandri.

Ducati fuori dal podio nella SBK a Magny Cours

Ancora una volta troviamo la Ducati fuori dal podio, con Davies che la spunta su Baz e conferma quanto le attuali combinazioni “moto/pilota” di Borgo Panigale siano troppo discontinue per vincere un Mondiale.
E’ stato un weekend di sorprese in Gara 1, quanto di rivincita, disfatta e conferma in Gara 2. Se il discorso prettamente aritmetico riguardo il titolo Mondiale si è definitivamente chiuso con il GP di Magny-Cours, quello squisitamente contrattuale per alcuni piloti è ancora aperto e restano altri 2 appuntamenti, sicuramente spettacolari.

Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Valentino Rossi annuncia il contratto

Valentino Rossi annuncia il contratto a Jerez?

0
Come sappiamo da mesi, il 9 volte Campione del Mondo è in piena fase decisionale circa il suo futuro. La sua carta...
Michael Van Der Mark in BMW

Michael Van Der Mark in BMW: è ufficiale, ma con chi?

0
Pochi giorni fa si parlava della concreta possibilità che Michael Van Der Mark potesse passare in BMW nel 2021. Oggi, la notizia...
20 anni senza Joey Dunlop

20 anni senza Joey Dunlop. Il ragazzo di strada

0
Oggi sono ben 20 gli anni senza Joey Dunlop. Un pilota la cui scomparsa ha lasciato un buco enorme nel panorama motociclistico....