domenica, Dicembre 4, 2022
HomeSportMotoGPTest MotoGP Valencia. Vinales chiude in testa il Day2

Test MotoGP Valencia. Vinales chiude in testa il Day2

I test per la MotoGP sul tracciato di Valencia si sono appena conclusi. Se nel 1° giorno sono scesi in pista i prototipi 2020 per un primo contatto, nel 2° c’è stato qualche “Time Attack”Maverick Vinales svetta sugli altri.

Yamaha in gran forma nei Test MotoGP a Valencia

Yamaha appare davvero in gran forma sul tracciato di Valencia e sta lavorando sodo per recuperare potenza nei rettilinei, senza compromettere il suo equilibrio telaistico. 1° Maverick Vinales (1:29.849″) dopo aver girato più rapidamente che nella Q2 della scorsa gara, forse anche a causa di un asfalto più gommato; appena più “lento” Fabio Quartararo (1:30.013″) è 2°, il quale ha ottenuto prima il suo miglior tempo e si è probabilmente concentrato sulla continuità prestazionale; 3° Franco Morbidelli (1:30.114″); 9° Valentino Rossi (1:30.781″). I piloti Yamaha appaiono coesi sul foglio dei tempi e concordano sulle migliorie da apportare alla M1: un’ottima base di partenza per gli ingegneri di Iwata.

Suzuki e Ducati inseparabili

Coesione cronometrica anche nel box Suzuki. I 2 piloti della casa di Hamamatsu, viaggiano insieme: 5° Joan Mir (1:30.427″) che sopravanza di un’inezia il compagno di squadra; 6° Alex Rins (1:30.503″). Va evidenziato che ciascun pilota abbia ottenuto il miglior tempo durante il proprio 54° giro. Se non fosse per i tempi rapidissimi, sembrerebbe che la Suzuki stia facendo una Riding School.
Idem per le Ducati, eccetto che per la loro collocazione in classifica, decisamente peggiore: 10° Jack Miller (1:30.854″); 11° Andrea Dovizioso (1:31.143″); 12° Tito Rabat (1:31.258″); 13° il collaudatore Michele Pirro (1:31.424″); 17° Karel Abraham (1:31.597″). Restando nel team Avintia, non è ancora definito l’accordo con Johan Zarco.

Test MotoGP a Valencia fuorvianti per Honda

Che la Honda RC213V sia una moto complessa, è ormai noto. Molteplici però, le potenziali migliorie per renderla più guidabile: un avantreno più “comunicativo”? Un telaio relativamente più morbido? Un motore più dolce nell’erogazione? La scalata alla guidabilità segue diversi sentieri e questa confusione si ripercuote puntualmente in classifica: 4° Cal Crutchlow (1:30.316″); 7° Marc Marquez (1:30.556″), oggi in veste di “Cicerone” del fratello minore; 18° il collaudatore Stefan Bradl (1:31.657″); 20° Alex Marquez (1:32.235″). Tra l’altro, i piloti Honda hanno girato mediamente più dei loro avversari.

Ktm scalda i muscoli, Aprilia brucia

Un nuovo telaio a doppia trave trapezoidale per la Ktm RC16, in luogo del precedente a traliccio, per una moto complessivamente più neutra in frenata ed inserimento in curva (le aree tecniche in cui si lasciano “decimi preziosi” su piste tortuose come Valencia). I riscontri sono piuttosto rinfrancanti: 8° Pol Espargaro (1:30.685″); 14° Dani Pedrosa (1:31.474″); 15° Iker Lecuona (1:31.515″) e 22° Brad Binder (1:32.367″), che proseguono il loro apprendistato.
Più complicata e “pirotecnica” la 2° sessione di test per Aprilia: la RS-GP di Iannone prende fuoco davanti nella pit-lane, con comprensibile sfogo del pilota di Vasto. Per il resto, la casa di Noale lavora più nel box che non tra i cordoli, con pochi giri e Run piuttosto brevi. 16° Aleix Espargaro (1:31.526″); 19° Andrea Iannone (1:31.800″); 21° il collaudatore Bradley Smith (1:32.249″).

Test della MotoGP a Valencia – Day 2:

  1. M.VINALES: 1:29.849″
  2. F. QUARTARARO: 1:30.013″
  3. F. MORBIDELLI: 1:30.114″
  4. C. CRUTCHLOW: 1:30.316″
  5. J. MIR: 1:30.427″
  6. A. RINS: 1:30.503″
  7. M. MARQUEZ: 1:30.556″
  8. P. ESPARGARO: 1:30.685″
  9. V. ROSSI: 1:30.781″
  10. J. MILLER: 1:30.854″
  11. A. DOVIZIOSO: 1:31.143″
  12. T. RABAT: 1:31.258″
  13. M. PIRRO: 1:31.424″
  14. D. PEDROSA: 1:31.474″
  15. I. LECUONA: 1:31.515″
  16. A. ESPARGARO: 1:31.526″
  17. K. ABRAHAM: 1:31.597″
  18. S. BRADL: 1:31.657″
  19. A. IANNONE: 1:31.800″
  20. A. MARQUEZ: 1:32.235″
  21. B. SMITH: 1:32.249
  22. B. BINDER: 1:32.367″
  23. M. KALLIO: Non Classificato
  24. D. PETRUCCI: Non Classificato
Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

MOMODESIGN 2023

MOMODESIGN collection 2023. Stile urban ed ecosostenibile

0
Dalle mani esperte del famoso brand produttore dell’iconico casco che lo contraddistingue ormai da anni, nasce la nuova collezione Momodesign, targata 2023, tutta dedicata...
Piaggio Multiruota-min

Lo strano caso del Piaggio Multiruota che…

0
Piaggio deposita il brevetto di un curioso scooter multiruota capace di fare cose inimmaginabili: tipo, discernere la piega. Tranquilli: ve la spieghiamo per bene. Piaggio...
Manutenzione scooter-min

Manutenzione dello scooter: consigli gratis e a pagamento

0
La manutenzione dello scooter è un argomento spesso trascurato. Molti motociclisti possiedono anche uno scooter da battaglia per usarlo ogni giorno, sostanzialmente non curandosi...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.