sabato, Ottobre 1, 2022
HomeNewsTito Rabat nel BSB. La sella è meglio del divano

Tito Rabat nel BSB. La sella è meglio del divano

Nella prossima gara del BSB a Thruxton, ci sarà anche Tito Rabat. Deluso dall’esperienza nel WorldSBK, il catalano vuole sperimentare le piste inglesi e quel mitologico campionato di cui tutti parlano. Anche perché unisce il valore dei piloti mondiali alla pericolosità dei tracciati americani. Il tutto con mezzi privi o quasi di elettronica.

Tito Rabat: dalla MotoGP al BSB…

Classe 1989, Esteve Tito Rabat debutta nella Classe 125 del Motomondiale nel 2005. Alterna team più e meno competitivi, in un crescendo di risultati fino alla 6° posizione finale nel 2010. Poi il passaggio alla Moto2 nel 2011 ed una progressiva presa di confidenza che culminerà nel 2014: in quell’anno sarà Campione del Mondo.

Dunque, l’arrivo in MotoGP nel 2016 su una Honda Open, poi ufficiale in seguito. Ma tra il pilota di Barcellona e la Classe Regina non scatterà mai la chimica. Mettiamoci poi che in Ducati Tito correva con degli avanzi di magazzino. Logico aspettarsi un miglioramento in WorldSBK, se messo nelle giuste condizioni.

…passando per il WorldSBK

La Ducati Panigale V4 del team Barni non sembra all’altezza delle altre (quella di Scott Redding, Chaz Davies o Michael Rinaldi, ad esempio). Ecco quindi che nella seconda metà di stagione si sposterà sulla Kawasaki del team Puccetti, senza risultati degni di nota. Visto? Puoi spostarti nel campionato che vuoi: se manca il mezzo, non emergi comunque.

E dopo 3 gare tutt’altro che esaltanti nel 2022, ecco che Tito si sposta nel BSB. A 33 anni, ci chiediamo cosa lo spinga ad andare avanti.

Poltrone e sofà

Succede spesso in politica che alcune figure preferiscano restare e riqualificarsi anche più in basso rispetto a prima, piuttosto che abbandonare la poltrona. Nulla contro il BSB, che anzi adoriamo. Ma spesso questi cambiamenti restituiscono l’impressione di una richiesta d’aiuto, anziché di reale competitività. E, se una volta richiesto, l’aiuto arriva, buon per chi ha il coraggio di alzare la mano.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Dominique Aegerter WorldSBK 2023-min

Dominique Aegerter in WorldSBK dal 2023. Jump!

0
A partire dal 2023, Dominique Aegerter correrà in WorldSBK sulla Yamaha R1 del team GRT, al posto di Garrett Gerloff che andrà in BMW....
EICMA 2022 Biglietti-min

EICMA 2022: Biglietti scontati fino al 30 settembre

0
Fino al 30 Settembre, gli appassionati potranno acquistare i biglietti per EICMA 2022 al prezzo scontato di 16 euro. Dopodiché la quota pro-capite salirà...

Ducati Multistrada V4 Rally. Si viaggiare!

0
Ducati presenta la versione Rally della Multistrada V4, per i viaggiatori che intendono fermarsi solo al distributore di benzina. Ducati Multistrada V4: dalle passeggiate al...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.