lunedì, Novembre 28, 2022
HomeNewsVIDEO: Freni in acciaio VS carbonio. Cosa cambia?

VIDEO: Freni in acciaio VS carbonio. Cosa cambia?

Il tema che oggi approfondisce Sylvain Guintoli è: freni in acciaio VS freni in carbonio. Chiunque corra in Moto3, Moto2 o SBK ed abbia la possibilità di provare una MotoGP, dirà quanto segue:

“Il motore è potentissimo ma ciò che mi ha maggiormente impressionato sono i freni in carbonio”

Una differenza progettuale importante. Essendo la MotoGP la massima espressione del motociclismo, fa dedurre che i freni in carbonio siano più performanti e così è. Ma questa equazione non è “Sempre verificata”.

Freni in acciaio VS carbonio. Cosa migliora?

I freni in carbonio sopportano meglio le sollecitazioni prodotte in pista. Valori che su strada non si immaginano neppure. Sylvain ci spiega quanto emerga questa differenza a Motegi: notoriamente, la pista più Stop&Go e notoriamente impegnativa per i freni del Motomondiale. La MotoGP utilizza dischi da 320 o 340 mm, ma non ne sfrutta mai tutta la potenza disponibile.
In secondo luogo, un freno in carbonio dissipa meglio il calore: una qualità utile nelle frenate prolungate (come alla curva San Donato del Mugello, dove le MotoGP passano da oltre 350 a 90 km/h). Questa caratteristica, ne aumenta la longevità.
Inoltre, se la potenza dei freni in carbonio non è molto superiore a quella delle soluzioni in acciaio, cambia molto l’erogazione (eh sì, conta anche in frenata): il carbonio gode di proprietà che rendono la frenata ben più modulare e questo aiuta nel cosidetto Trail Braking.
Infine, i freni in carbonio sono più leggeri. Perciò, l’ingresso in curva è molto più fluido, con meno inerzie. Leggerezza che si ritrova anche nei cambi di direzione e nelle accelerazioni. Spiegato così, si può pensare che il carbonio sia una Win-win solution ma…

Questione di Feeling

A raffreddare gli animi, il prezzo: un freno in carbonio può costare 10-12 volte tanto rispetto ad uno in acciaio (lo sa bene Andrea Dovizioso che nel 2012, quando correva sulla Yamaha del team Tech3, dovette acquistare di persona i freni Brembo della sua M1). La loro leggerezza li rende, giocoforza, molto più fragili.
Il 2° scoglio è dato dalla fruibilità: i freni in acciaio sono progettati per funzionare da subito in ogni condizione, dalla strada alla pista; con ogni temperatura, soprattutto. Se mal si adeguano alle alte temperature e alle sollecitazioni estreme, perdendo d’efficienza, è anche vero che non necessitano di Warm-Up particolare, prima dell’uso. Non è così per quelli in carbonio, la cui criticità principale è data dall’Underheating.
Guintoli racconta che, nei test di Valencia dove solitamente i rookies si approcciano alla MotoGP e ai freni in carbonio, si vedono molti “lunghi”. Miguel Oliveira nel 2019, sentendo il freno poco incisivo, ha aumentato la pressione sulla leva: l’impianto, nel frattempo entrato in temperatura, ha risposto di colpo, facendolo quasi cappottare.
Come si dice anche per le gomme (magari il buon Sylvain ne trarrà spunto per un prossimo video-tip), non sempre scegliere componenti di primo livello, si traduce in un feeling altrettanto eccelso.
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Peugeot-XP400 2022-min

Peugeot XP400 2023. Scheda tecnica e prezzo

0
Peugeot presenta un nuovo glam scooter con i fiocchi: XP400, con il quale chiudere il 2022 in bellezza e...aprire il 2023 con eleganza. Andiamo...
Yamaha polizia scooter-min

Scooter sfugge alla Yamaha della Polizia…cadendo

0
In questo video vedrete qualcosa di surreale: un ragazzo che fugge in scooter dalla Yamaha della Polizia. La farà franca? E soprattutto, a che...
Moto Ferrari 900-min

Moto Ferrari 900. La regina senza corona

0
Pochi sanno che nel 1990 nacque una moto marchiata Ferrari: ciclistica semplice ma innovativa e motore 900 di cilindrata. Molti scossero la testa: la...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.