lunedì, Maggio 16, 2022
HomeNewsAttualitàVigile urbano colpisce ragazzo in scooter. Abuso di potere?

Vigile urbano colpisce ragazzo in scooter. Abuso di potere?

A Rimini, vigile urbano colpisce con un calcio un ragazzo in scooter che cerca di eludere un posto di blocco. Gesto necessario, sia pur al limite dell’abuso di potere. Leggendo i prossimi paragrafi capirete quante distorsioni vi siano nello “storytelling”.

Condanna per il vigile urbano che colpisce scooter in fuga?

Chiariamoci. Il ragazzo in questione non era nella zona industriale di Rimini per un corso di guida sicura. Era impegnato in una corsa clandestina, debitamente ripreso dagli smartphone degli amici per pubblicare la bravata sul web. Il vigile che gli ha intimato di fermarsi, vedendo che la velocità del mezzo aumentava, ha tentato di fermarlo con un calcio. Gesto prontamente condannato dalla madre del giovane, la quale ha asserito che suo figlio “avrebbe potuto rischiare la vita”. Rischio che invece non esiste nelle corse clandestine. Giusto?

Motor Valley

Ci siamo passati tutti. 14 anni: il 50ino e le prime modifiche. La marmittina più aperta che fa rumore; il variatore che lo rende più scattante. Rulli, molle di contrasto e mollette frizione per guadagnare qualche “zero virgola” km/h in più. Poi magari arriva il motore 70cc, i 100 km/h e la sensazione di volare.

Immaginate che tutto questo accada nella romagnola Motor Valley, grassa di buona cucina e profumata di benzina. Per quelle strade dove Valentino Rossi ha scannato con i suoi Aprilia SR, Piaggio Zip, Malaguti Phantom e Honda ZX.

Non stiamo parlando di criminali, ma solo di adolescenti ribelli.

ACAB ed Sindrome di Lucifero

A questo punto, si arriva ad un curioso paradosso. Le Forze dell’Ordine che tanto vegliano sulla sicurezza sono legittimate a far rischiare una caduta? In caso di risposta negativa, cosa avrebbe dovuto fare l’agente?

D’altro canto è legge dell’adolescenza il rifiuto di qualsiasi regola ed imposizione. Si entra nei labirinti della legittima difesa, in cui neppure le tavole della legge riescono a districarsi. Purtroppo è stata una sconfitta da ambo le parti: quella dei motociclisti e quelle delle Forze dell’Ordine.

Una sconfitta che meglio di tutte incarna il celebre proverbio: “2 torti non fanno una ragione”.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Suzuki nuovi progetti 2023

Suzuki accantona la MotoGP per nuovi progetti nel 2023

0
Come ben sappiamo, Suzuki non parteciperà alla MotoGP nel 2023 e si dedicherà a nuovi progetti per la clientela stradale. Decisione saggia? Quali saranno i...
Mir Rins MotoGP Le Mans 2022

Mir e Rins MotoGP Le Mans 2022: 2 errori casuali?

0
Mir e Rins cadono entrambi nella gara di MotoGP 2022 a Le Mans. Il fatto che Suzuki abbia inaspettatamente annunciato il ritiro a fine...
Bagnaia MotoGP Le Mans 2022

Bagnaia MotoGP Le Mans 2022: non si va a cadere così!

0
Pecco Bagnaia cade nella gara di MotoGP Le Mans 2022 e probabilmente dice addio alle speranze iridate. Un errore davvero fatale, considerata l'agguerrita concorrenza....

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.