mercoledì, Agosto 5, 2020
Home News WorldSBK Jerez 2020 Gara 1. 1° Vittoria di Scott Redding

WorldSBK Jerez 2020 Gara 1. 1° Vittoria di Scott Redding

Gara 1 del WorldSBK 2020 a Jerez ci ha restituito qualche sorpresa. Scott Redding vince la sua prima gara nel WSBK; 2° Jonathan Rea, in crisi di confidenza con la sua Kawasaki; 3° Toprak Razgatlioglu, ottimo stratega.

3 uomini e una Panigale V4

Al via, Jonathan Rea scatta fortissimo: sa che l’unica possibilità di vincere risiede nella sua celebre fuga solitaria. Toprak Razgatlioglu cerca di rimanergli a ruota, ma a complicargli la pratica ci pensa Scott Redding. Efficace in percorrenza, rapido nei cambi di direzione e competitivo in staccata, Raz ce la mette tutta per contenere la Rossa n°45. A 9 giri dal termine, dovrà arrendersi al binomio Redding-Ducati. Negli ultimi giri, non si annoierà di certo: Chaz Davies, che ha dovuto recuperare diverse posizioni, agguanta Loris Baz e vuole ottenere un podio a tutti i costi. Toprak ne conterrà l’esplosività motoristica, rispondendo con traiettorie strette e conservative. Avrà la meglio.

Nel frattempo, Redding raggiunge Rea. Mentre quest’ultimo sembra attuare i suoi rallentamenti strategici, il britannico lo infila senza sforzo, come se avesse potuto scegliere la curva su cui finalizzare la manovra. Poche curve e tra i 2 si crea un gap incolmabile, con Scott che tra i curvoni di Jerez sguazza meglio che sul giardino di casa.

TOPRAK RAZGATLIOGLU #54:

“Oggi faceva veramente caldo. Ho provato a resistere a Redding ma non ci sono riuscito. Ringrazio comunque il team per l’ottimo lavoro.”

JONATHAN REA #1:

“Sono partito fortissimo ed ho cercato di scappare, ma non ci sono riuscito. Sia Scott che Toprak mi sono rimasti attaccati. Avevo sensazioni abbastanza buone sulla moto e spero di fare meglio domani.”

SCOTT REDDING #45:

“Non sono abituato a queste temperature, infatti è stata una gara difficile per tutti. Negli ultimi giri sono riuscito a creare un piccolo gap tra me e Johnny che mi ha permesso di vincere.”

Immaginiamo già preventivamente i commenti che nelle prossime ore contamineranno i social: si dirà che il campionato delle derivate di serie sia di livello inferiore, dal momento che Redding è riuscito a vincerci, mentre in MotoGP no. Altrettanto preventivamente chiediamo: ha mai disposto di una Ducati factory nel Motomondiale?

Ducati Show

Se c’è un azienda che oggi può ritenersi davvero soddisfatta, è proprio Ducati. Le sensazioni alterne di prove e qualifiche si sono tramutate in: vittoria di Scott Redding; quasi podio di Chaz Davies; 6° posto di un cristallino Michael Rinaldi, davvero veloce; 8° posto di Marco Melandri che torna a gareggiare a 38 anni su una moto privata, testata poco e nulla. Peccato per la il guasto tecnico che ha decretato il ritiro di Leandro Mercado.

Allo stesso modo, questa prima manche ha un sapore agrodolce per Yamaha. Ben conscia di un motore non troppo potente, la R1 di Iwata giocava l’asso sull’equilibrio ciclistico. Purtroppo Michael Van Der Mark si è dovuto ritirare. Dal team GRT, Federico Caricasulo è caduto violentemente alla curva 4. 5° posto per un Loris Baz più esplosivo che duraturo.

La piazza d’onore di Rea è di gran lunga il raggio di sole più penetrante nel cielo Kawasaki. 9° Alex Lowes mai realmente incisivo ed arrendevole nei confronti di mezzi privati. 13° e 14° rispettivamente, Xavi Fores e Sandro Cortese.

Rimandati a domani

Nella 2° manche andrà verificato il potenziale di molti piloti, perlomeno su questo tracciato. Dopo una partenza discreta ed una buona prosecuzione, Tom Sykes è costretto ad un mesto ritiro per un guasto tecnico sulla sua BMW S1000RR.

In casa Honda, 7° Alvaro Bautista a 10 secondi dalla prima posizione. 10° il team mate Leon Haslam, con il quale c’era stata schermaglia nei primi giri. A dispetto di un motore screamer, sembra esserci molto da lavorare sul telaio. Cadute e ritiri hanno giovato al duo Althea: 17° Lorenzo Gabellini e 18° Takumi Takaashi.

Ritorno apprezzabile anche per Aprilia che con Christophe Ponsson porta a casa un 12° posto. Come detto, gli eventi hanno influito molto su questo risultato e domani ne sapremo di più.

WorldSBK Jerez 2020 Gara 1 – Classifica

WorldSBK Jerez 2020 Gara 1 - Crono

Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

WorldSBK Portimao 2020 con Brembo

WorldSBK Portimao 2020 con Brembo. Occhio alla 1

0
Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con 17 piloti del WorldSBK 2020, Portimao è un circuito mediamente impegnativo per...
Nuova Direzione Marketing e Comunicazione Ducati

Nuova Direzione Marketing e Comunicazione Ducati

0
Ducati Motor Holding comunica che dal 1° agosto 2020, con l’obiettivo di rafforzare le azioni di marketing e comunicazione dell’Azienda in linea...
MotoGP Brno 2020 Orari

MotoGP Brno 2020 Orari. Su DAZN e TV8

0
Questo fine settimana, la MotoGP 2020 farà tappa a Brno per il 3° appuntamento del mondiale: di seguito troviamo gli orari della...