lunedì, Aprile 22, 2024
HomeNewsWorldSBK Phillip Island 2024 con pit-stop. Ma che è 'sta cafonata?

WorldSBK Phillip Island 2024 con pit-stop. Ma che è ‘sta cafonata?

La notizia è ufficiale: il prossimo fine settimana, il WorldSBK 2024 correrà la tappa inaugurale di Phillip Island beneficiando del pit-stop. Un espediente già utilizzato in passato.

Perché a Phillip Island il WorldSBK 2024 vuole il pit-stop?

La pista australiana è molto particolare. Il suo layout scorrevolissimo è il più veloce dell’intero campionato. Curvoni da 4° e 5° marcia piena a 200 km/h ed oltre: il regno di Sua Maestà Casey Stoner che qui vi ha vinto 6 anni di fila dal 2007 al 2012.

Questa caratteristica porta i piloti a cercare molta aderenza in curva. Per di più, a forte velocità. Si forzano gli ingressi e, a meno che non si derapi tutto il tempo (sprecando metri), le gomme si usurano. Anche il grip del nuovo asfalto porta ad abrarre e consumare precocemente gli pneumatici.

Solo 3 minuti

Ecco che Dorna, ben consigliata da Pirelli, introduce la regola pro tempore del pit-stop, sia per la classe Superbike che per la Supersport (solo la 600, perché con la 300 si fermerebbero per rifare il motore). 3 giri utili per farlo: dal 9° all’11°, nel primo caso; dall’8° al 10° nel secondo.

Una scelta di derivazione F1, che introduce un’ulteriore variabile. Chi indovinerà le tempistiche potrà arginare qualche piccola lacuna tecnica. Viceversa, chi le sbaglierà, potrà vanificare quanto di buono fatto fino a quel momento. D’altronde, è già successo.

Come quando fuori piove

Nel 2013, anche la MotoGP corse in condizioni di Flag to Flag: i piloti cambiavano la moto, come in caso di pioggia. In quell’occasione, l’allora rookie Marc Marquez buttò via una gara. Per un misunderstanding con il team, rientrò ai box in ritardo. Il cambio moto non fu considerato regolare e Marc fu squalificato da una gara che poteva vincere (per giunta, in piena lotta per il titolo mondiale contro un velocissimo Jorge Lorenzo).

Ma alla fine, le condizioni sono uguali per tutti. Si tratterà solo di lavorare bene ed ancor più in simbiosi. Come dite? Sarebbe stato meglio ridurre proprio la durata delle gare? Eh, 3 Superpole Race a Phillip Island. Sarebbero state troppe, anche per me.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

National Trophy 1000 2024-min

National Trophy 1000 2024. Ma che razza di campionato è?

0
Nel 2024, il National Trophy 1000 corre sotto la giurisdizione del campionato FIM Junior GP. Nella gara di Misano, abbiamo visto però delle cose...
moto elettrica sportiva

Yadea Kemper RC. La moto elettrica sportiva dalle alte prestazioni

0
La Yadea, nota casa motociclistica cinese, ha recentemente presentato la Kemper RC, una moto elettrica sportiva che promette prestazioni elevate e uno stile futuristico....
Spinelli WorldSBK Assen 2024-min

Nel WorldSBK ad Assen 2024 Nicholas Spinelli entra nella storia

0
Nicholas Spinelli vince al suo esordio nel WorldSBK 2024 in Gara 1 ad Assen. E dire che doveva solo sostituire al volo Danilo Petrucci. WorldSBK...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.