lunedì, Maggio 20, 2024
HomeNewsMotoDomanda esistenziale: il TMax Yamaha è una moto?

Domanda esistenziale: il TMax Yamaha è una moto?

Si, oggi ho proprio deciso di suicidarmi e vi chiedo: il TMax di Yamaha è da considerarsi uno scooter o una moto? Aspettiamo le coltellate.

Yamaha T-Max: moto o scooter?

E’ un dilemma che attanaglia gli appassionati più maieutici, trasformandosi in una certezza per quelli più estremisti. A fine 2001, quando l’Italia s’appresta a salutare la Lira a beneficio dell’euro, la casa di Iwata introduce sul mercato un mezzo chiamato TMax. Dotato di un motore da 500 cc 4 tempi (come la vecchia Classe Regina del Motomondiale), sembrava uno scooter davvero grintoso.

Yamaha TMax moto-min (1)

Inizialmente alimentato a carburatori, il propulsore guadagnò l’iniezione elettronica nel 2004 (consumi più bassi ed erogazione più lineare). Nel 2012, la cilindrata crebbe sensibilmente a 530 cc, fino agli attuali 560. Insomma, prestazioni brillanti.

Ma sempre di uno scooter parliamo

Questa scelta spinse diversi competitor a creare scooter più prestanti per tenergli testa (Piaggio Beverly 500, Gilera Nexus 500, Honda Silver Wing 600, Suzuki Burgman 650 etc.), ma nessuno di loro aveva un sex appeal pari a quello dello scooter Yamaha. Da decenni, molti non vedono questo scooter come un pratico mezzo di trasporto, se non come un passaporto.

Yamaha TMax moto - Wheelie-min

Nell’immaginario collettivo, chi lo possiede è spesso un esibizionista di diverse fasce d’età: dal tamarro delle case popolari in tuta e gilet al palestrato con la sigaretta elettronica.

Oppure no?

Addirittura, capita di vedere gente che lo guida accennando una posizione da moto. Altri, in prossimità di un incrocio simulano la doppietta in scalata (tipica del cambio manuale) con un’inutile colpetto di gas (PEM, PEM!). Dopotutto, il propulsore non condivide con la concorrenza il frazionamento monocilindrico, bensì bicilindrico. Meno vibrazioni e sound più cupo. Da moto.

Yamaha TMax moto - Cup-min (1)

Le ruote basse e le gomme larghe (160/60 R15 al posteriore), supportati da una ciclistica di indubbia qualità, inducono ad una guida brillante. Man forte gli da Malossi: il preparatore emiliano che ha dedicato al TMax un trofeo specifico.

Torno sui miei passi

Alla fine, come nelle risse di quartiere, le questioni d’onore si risolvono per strada. E per quanto TMax sia un mezzo brillante, non è da ritenersi una moto. E non se ne faccia una questione di motore (ci sono moto ben meno performanti). Se non di approccio.

Non tutti gli amanti delle moto riducono le loro scelte ad un mero discorso di prestazioni: “quanto fa sul dritto?/A quanto fa quella curva?”. Chi ama veramente la moto resta dei minuti a fissarle anche da parcheggiate. Anche senza la possibilità di accenderle.

Finesse

Sul TMax c’è tutta l’efficienza del mondo. Ma non c’è anima. Non c’è una gamba esterna da incastrare per cercare un dialogo con la ciclistica. Non ci sono vibrazioni ne imperfezioni. Non ci sono frizioni da lasciare con delicatezza; non ci sono marce da cambiare o scalare secondo il regime di coppia massima.

C’è tanta praticità ed efficacia. Allo scatto del verde, ci sarà sempre un motore pronto ed un variatore solerte nel portarlo a regime di coppia massima. Ci sarà sempre quel che serve e mancherà sempre quel che gli appassionati, forse, neanche cercano più.

Federico Trombetti
Federico Trombetti
Federico Trombetti nasce in provincia di Roma nel 1992. Il suo paese sorge in prossimità di un aeroporto e forse nasce da qui la sua passione per i viaggi. Studente perenne di qualsiasi argomento gli capiti a tiro, ha 3 grandi amori: la Scrittura, nella quale si cimenta dal 1° anno di liceo, con poesie e brevi componimenti, sino a scrivere il suo primo romanzo a 17 anni e il secondo a 22 (magari un giorno li pubblicherà…); la Filosofia; i Motori, per i quali spende buona parte del suo denaro e del suo tempo libero. A 10 anni nasce l’amore per il motociclismo, a 14 il primo motorino, a 22 la prima giornata in pista. Qualche gara amatoriale e la costante voglia di migliorarsi. Grande appassionato di Musica, Cinema, Teatro e Cucina. Non sopporta i luoghi comuni, gli alcolici e la filosofia del “tutto o niente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Ducati Monster Ayrton Senna

Ducati Monster Ayrton Senna: un tributo a una Leggenda

0
Ducati presenta con orgoglio il Monster Ayrton Senna, una speciale edizione da collezione che celebra il leggendario pilota brasiliano e la sua straordinaria carriera....
Test WorldWCR Cremona 2024-min

Test WorldWCR Cremona 2024. Ana Carrasco primera

0
Ana Carrasco chiude in testa i test del WorldWCR 2024 a Cremona. 2° posto per la nostra Roberta Ponziani seguita da Sara Sanchez. Campionato...
Luca Marini MotoGP 2024-min

Nella MotoGP 2024 chi vorrebbe essere Luca Marini?

0
Nella MotoGP 2024, sembra che la vera gara sia alla ricerca di una sella per l'anno prossimo: che posizione ricopre Luca Marini? Ne comoda,...

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato ogni settimana su tutte le ultime news.